Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Un grande food truck in mezzo alla natura della Treviso-Ostiglia: da Osty “colazioni lente” con il caffè della moka

Martedì 14 Giugno 2022 di Brando Fioravanzi
Osty il food truck in mezzo alla natura

QUINTO - Un food tuck con "colazioni lente” con la moka al tavolo e brioche artigianali, oltre a fette di torta e pane, burro e marmellata. Ma anche apericena tra gli alberi, il tutto a pochi metri dalla ciclopedonale della Treviso-Ostiglia tanto amata dai trevigiani e dai turisti. Nasce così, unendo il moderno alla natura, “Osty”, in Via D’Annunzio a Quinto, nuovo format di locale che ha da pochi giorni aperto i battenti in mezzo alla natura. Situato proprio a fianco della ex stazione ferroviaria di Quinto, raggiungibile anche via auto e dotato di ampio parcheggio, Osty riprende in mano il concetto delle vecchie “frasche” per farne una location adatta a tutti e ideale sia per un momento di relax in compagnia che per un breve ristoro per gli sportivi. Ad attendere i clienti un grande food truck, o per meglio dire un “bus truck” degli anni ’70, pronto a preparare vari cicchetti trevigiani (tra cui i loro “tocchetti”), “patatas bravas” con diverse salse tra cui una interessante cacio e pepe, taglieri di salumi e formaggi e le immancabili birre artigianali. «Abbiamo aperto da pochi giorni dopo aver terminato i lavori in davvero pochissimo tempo – racconta il titolare Omar Piovesan – È stato un lavoro duro, ma siamo molto contenti, anche perché altrimenti rischiavamo di perdere la stagione. Al momento siamo aperti dalle 8 alle 11 e dalle 18 alle 23, ma già puntiamo ad estendere a breve l’orario di apertura così da offrire anche dei pranzi frugali per chiunque si trovi a passeggiare o a percorrere la Treviso-Ostiglia in bicicletta e necessiti di un breve ristoro. Qui, infatti, crediamo in un nuovo concetto di “godimento del momento”, ricordando la tradizione veneta e usando prodotti locali per valorizzare il territorio che ci rappresenta».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci