Ucraina "veneta" di 37 anni torna a casa e muore in guerra. Lascia due figli di 10 e 14 anni

Era sposata con un italiano, quando è iniziato il conflitto è rientrata in Patria.

Mercoledì 28 Settembre 2022
Marianna Triasko
6

VILLORBA -  Aveva 37 anni Marianna Triasko, la donna ucraina, residente in Veneto da 14 anni, morta in combattimento nel proprio Paese. A quanto risulta era un medico militare. Originaria di Ivano-Frankivsk, risiedeva a Villorba, nel trevigiano, ed era sposata con un italiano. Aveva due figli di 10 e 14 anni.  Quando è iniziato il conflitto è tornata in Ucraina. L'ex sindaco di Villorba, Marco Serena, ha confermato che la donna risulta risiedere con la famiglia nel Comune trevigiano, ed è cittadina italiana. Pochi i riscontri sulla sua vita nella cittadina, che si trova alla periferia nord di Treviso.

In base a quanto riportano alcuni media ucraini il corpo di Marianna sarà presto consegnato e sepolto nella sua terra natale. Gravemente ferita sul campo a causa di colpi di mortaio, per circa due giorni i medici hanno cercato di fare l'impossibile per salvarle la vita, ma la donna non ce l'ha fatta. «Voleva essere utile ai nostri militari e all'Ucraina», ha raccontato una sua amica, rivelando che Marianna dopo avere visto in televisione che c'era carenza di personale medico in Ucraina, non ha avuto alcuna esitazione a lasciare tutto e partire. «Ricordo il nostro primo incontro, parlava molto e sorrideva tutto il tempo, come se non avesse paura. I suoi fratelli erano orgogliosi di lei. Era sempre preoccupata per il loro benessere, sapeva come incoraggiare» le persone, ha aggiunto la stessa fonte. In molti nel suo villaggio che si trova nella regione di Ivano-Frankivsk continuano a conservare un bel ricordo di lei. «Marianna è cresciuta qui, è andata a scuola, poi ha lavorato in un ospedale locale, faceva il medico - precisa un suo conoscente al sito ucraino news.obozrevatel.com -. Circa 14 anni fa è andata a vivere e lavorare in Italia. Le sue due sorelle e la madre vivono lì, mentre suo fratello in Germania». 

Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci