Tbc, intercettare i casi latenti: «Sono grave e inconsapevole minaccia sanitaria»

PER APPROFONDIRE: latente, tbc, treviso, tubercolosi
Tbc, intercettare i casi latenti: «Sono grave e inconsapevole minaccia sanitaria»
TREVISO - I recenti episodi di tubercolosi a Treviso «confermano che occorre una strategia mirata a intercettare i casi latenti, dai quali può scaturire una grave e inconsapevole minaccia sanitaria». A ribadirlo è l'Amcli, Associazione Microbiologi Clinici Italiani, in una nota.

«Un'insegnante - aggiunge Amcli - avrebbe sottovalutato i sintomi (tosse persistente, dimagrimento e febbricola) e ha proseguito la propria attività infettando inconsapevolmente quasi l'intera classe».

«Parlando di tubercolosi - evidenzia Enrico Tortoli, Coordinatore del Gruppo di Lavoro per i Micobatteri dell'Amcli - forse è il caso di fare un po' di chiarezza. Esistono almeno due forme di tubercolosi quella attiva e quella latente. La tubercolosi polmonare attiva porta all'eliminazione con i colpi di tosse, nell'aria circostante, del bacillo responsabile, il micobatterio tubercolare. Quando degli individui (nel caso di Treviso gli alunni) sono infettati ma non hanno segni radiologici o sintomi specifici, hanno la tubercolosi latente. Statisticamente, dei soggetti con tubercolosi latente solo il 10% svilupperà la malattia attiva, tutti gli altri non manifesteranno mai la tubercolosi». La tubercolosi attiva si diagnostica ricercando, con varie tecniche, il micobatterio tubercolare nell'escreato (materiale misto di muco e saliva che si emette ad esempio con la tosse). Quella latente si diagnostica ricercando invece la traccia immunitaria lasciata dal bacillo nell'organismo (test Mantoux e Igr). «Appare evidente - prosegue Pierangelo Clerici, Presidente Amcli - come il ruolo delle strutture complesse di microbiologia e i professionisti che ne fanno parte, siano garanzia di interventi rapidi e specifici al fine di contrastare eventi ad alto rischio (come nel caso di Treviso) e di consentire quindi un immediato intervento terapeutico».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Aprile 2019, 12:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tbc, intercettare i casi latenti: «Sono grave e inconsapevole minaccia sanitaria»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-04-11 13:30:24
... la tbc è figlia del mondo e si sa intercettare " il mondo " è " discriminante ".. se poi si aggiunge il fatto che tutti i viventi ( virus e batteri compresi ) nascono uguali di fronte alla vita e hanno gli stessi diritti all'esistenza la frittata è fatta..
2019-04-11 12:41:04
La scoperta dell'acqua calda. Un tempo i casi latenti si diagnosticavano con lo screening: a scuola, in alcuni posti di lavoro, quando si faceva il certificato di "buona salute" si faceva il test cutaneo (tubercolina). Da decenni NON e' piu' routine perche' NON serviva. Meraviglie del mondo moderno e globalizzato.