Venerdì 26 Aprile 2019, 11:03

Nawal, dal Marocco a Treviso: «Il mio sogno realizzato: aprire un bar in centro»

PER APPROFONDIRE: bar, centro, nawal, straniera, treviso
​Nawal, dal Marocco a Treviso: «Il mio sogno realizzato: aprire un bar in centro»
TREVISO - «Sono la prima donna straniera ad aprire un locale in centro. Sono orgogliosa di me stessa. Volevo un luogo così e lo desideravo qui nel cuore della città. Anni di lavoro,una ristrutturazione capillare, ma ce l'ho fatta». Nawal, 34 anni, non prova neanche a celare l'orgoglio. Questo locale l'aveva pensato così sin da quando è arrivata in Italia dal Marocco. Faceva le medie, poi alle superiori ha scelto l'alberghiero. E intanto lavorava come cameriera per imparare il mestiere. «Nessuno ti regala niente, soprattutto se sei immigrato. Io devo dire grazie ai miei genitori, che mi hanno sempre sostenuta, e alla banca che ha creduto in me». Il bar ha aperto in vicolo Barberia e si chiama Il
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nawal, dal Marocco a Treviso: «Il mio sogno realizzato: aprire un bar in centro»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-04-27 09:57:53
sempre con il dente avvelenato..... voi immigrati... neanche agli italiani nessuno da' niente se non la possibilita' di andare a lavorare all'estero pechè quio non c'è piu' posto per gli autoctoni, rimpiazzati dalle nuove risorse.... Treviso era una citta' pulita e civile, speriamo che contonui ad essere tale......
2019-04-27 08:47:17
dove e' questo locale? voglio visitarlo. bravissima
2019-04-27 07:35:30
Ma questa non e' mica una profuga sbarcata! "Aiuto di genitori e Banche"! Non tutti i genitori hanno la possibilita' di aiutare...
2019-04-26 22:21:21
Se giovane italiano artigiano va a chiedere alla banca un prestito gli ridono in faccia , brava evidentemente il direttore non si sottrae al fascino femminile .
2019-04-26 22:20:59
Se giovane italiano artigiano va a chiedere alla banca un prestito gli ridono in faccia , brava evidentemente il direttore non si sottrae al fascino femminile .