Rivoluzione in ospedale: arriva
​l'ambulatorio per i codici bianchi

Rivoluzione in ospedale: arriva  l'ambulatorio per i codici bianchi

di Mauro Favaro

TREVISO - Il pronto soccorso del Ca’ Foncello avrà il suo ambulatorio per codici bianchi gestito da medici di famiglia. L'Usl punta ad aprirlo entro giugno per sgravare l'area delle urgenze e fermare le attese al di sotto delle 4 ore. Le trattative con i sindacati dei dottori di base sono ancora in corso. L'idea non piace alla Fimmg, che potrebbe anche lasciare il tavolo. Ma la posizione dello Snami è diversa. Quest'ultimo ha sostanzialmente trovato l'accordo con l'azienda sanitaria. «Il pronto soccorso non è un'area operativa ideale per i medici di famiglia -sottolinea il presidente Bruno Di Daniel- ma vista la richiesta urgente dell'Usl e vista la temporaneità della proposta che oltretutto dà possibilità di impiego ai giovani medici, siamo d'accordo sul procedere con la sperimentazione». Non resta che limare i dettagli...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 11 Aprile 2016, 11:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Rivoluzione in ospedale: arriva
​l'ambulatorio per i codici bianchi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2016-04-12 08:57:42
Il codice bianco viene assegnato ai casi che possono gestire i medici di base (diversamente detti di famiglia); la cosa più semplice da fare e' rispedire a casa tutti quei casi che realmente sono da codice bianco. Dico -realmente- poiche' solo il medico, e non l'infermiere, e' abilitato a decidere; questo perche' personalmente fu assegnato un codice bianco all'ingresso, pure zoppicante ma arrivato con i miei mezzi e senza accompagnatore, e ne sono uscito con un codice giallo.
2016-04-11 22:48:20
chiudere il S.S.N. e tornare alle mutue di una volta.
2016-04-11 22:06:45
La ASL dovrebbe comunicare quanto COSTA alla collettività questa bella pensata. I codici bianchi di norma sono pazienti NON urgenti, NON da Pronto Soccorso che da un lato "rendono" ai PS circa 40 euro a visita (pagati dalla Regione, rispetto ai circa 150 pagati per un codice verde) contro un ticket che nel Lazio era di appena 25 euro. Gli ambulatori dei medici di famiglia possono essere costosissimi, con "gettoni" di presenza per i medici che raggiungono 500 euro a turno (a seconda delle regioni) per vedere dei pazienti che NON dovevano andare in PS. Se poi sono pazienti "appena appena" malati in PS ci finiscono comunque ... Italia, la terra dei cachi.
2016-04-11 17:39:10
tesoro bello, molti vanno in p.s. proprio perché le guardie mediche non funzionano ed i medici di base non coprono l'orario....e poi ti chiedo, hai mai avuto esperienza di guardia medica?? forse più che di neuroni potremmo parlare di esperienza!!!
2016-04-11 15:13:12
242109. Magari... Quello che dici tu si chiama "guardia medica". Quello che vogliono fare è di far seguire i codici bianchi, nella prima fase da infermieri laureati che eventualmente indirizzeranno il paziente dal medico specialista in caso loro non possano risolvere . Oggi l'infermiere decide il codice al triage ma il paziente è seguito subito e solo dal medico.