Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Treviso. Elezioni, spuntano i manifesti
"venetisti" osé: scoppia la polemica

Mercoledì 4 Maggio 2011 di Mauro Favaro
I manifesti della discordia
TREVISO - Veneto Stato e Lega litigano attorno alla foto di un seno nudo. No, non ci sono storie piccanti di rapporti tra escort e politici. Ci sono invece i manifesti elettorali selvaggi, appiccicati ovunque per attirare l'attenzione, che ora paiono essere stati superati dai manifesti elettorali che oltre a essere selvaggi sono pure osé, per calamitare ancora di più lo sguardo dei passanti. Sono quelli che da qualche giorno a questa parte mani ignote incollano, con cadenza svizzera, sopra il faccione dei candidati leghisti. A Villorba, così come a Quinto e Paese. E, senza dubbio, il contenuto incuriosisce.



Da una parte c'è la foto di una procace ragazza a seno nudo a rappresentare il "Veneto Stato senza la politica romano-padana"; dall'altra l'immagine di una giovane anoressica, con il sole delle alpi sulle spalle, a indicare le sorti del "Veneto regione con la politica romano-padana". Un vero e proprio spot dell'indipendenza che ha subito fatto puntare gli occhi su Veneto Stato. Ma la pronta difesa del suo leader, Antonio Guadagnini, candidato alla presidenza della Provincia contro il presidente uscente Leonardo Muraro, intrica ancora di più la faccenda. «Sono stati appesi nostri manifesti contraffatti, probabilmente ad opera di militanti leghisti delusi dalle promesse tradite dai propri rappresentanti - spiega il separatista, che ha organizzato per sabato un corteo che si snoderà per le vie di Treviso - . Abbiamo sporto denuncia contro ignoti per furto di materiali dalla nostra sede, per contraffazione e per falso ideologico nell'utilizzo del nostro simbolo (che non c'è, ndr) e del nostro nome».



Una teoria piuttosto arzigogolata quella che dei leghisti delusi avrebbero rubato dei manifesti di Veneto Stato per coprire quelli del Carroccio cercando di far ricadere la colpa sugli indipendentisti. Tanto che la Lega va su tutte le furie: «Le favole le vada a raccontare al paese dei balocchi. Non meriterebbe nemmeno risposta uno sciacallo che mira solo a fare confusione - si inalbera Fulvio Pettenà candidato a Quinto - . Guadagnini è un papavero che ha cambiato un sacco di bandiere e che non è più affidabile: la sua parola vale meno di nulla». Insomma: gli ex secessionisti e i nuovi separatisti non sono nemmeno più lontani cugini.
Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 20:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci