Nozze gay, la sfida parte da Treviso:
«Registrate la nostra unione»

Venerdì 10 Ottobre 2014 di Paolo Calia
(archivio)
32

TREVISO - Treviso entra di prepotenza nella bagarre scoppiata attorno al caso delle trascrizioni dei matrimoni celebrati all'estero tra persone dello stesso sesso.

Il ministro dell'Interno Angelino Alfano, con una circolare, ha chiesto a Prefetti e sindaci di non accettare più simili richieste e di cancellare quelle già autorizzate.

Una coppia di uomini, attraverso il proprio avvocato, ha depositato all'Ufficio matrimoni la richiesta di registrazione della propria unione. È la prima volta che a Treviso arriva una richiesta del genere (la prima a Nordest è giunta a Udine e il sindaco l’ha accolta). A presentarla sono stati due residenti in città, di 45 e 54 anni sposatisi in Brasile. Adesso il sindaco Giovanni Manildo, che proprio oggi porterà in consiglio comunale la delibera per istituire il Registro delle unioni civili comprese le coppie omosessuali, ha 90 giorni di tempo per decidere se concretizzare il sogno della coppia.

Ultimo aggiornamento: 11:23
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci