Addio alla stilista Tonia Marsoni, pioniera della moda

Sabato 15 Febbraio 2020
la stilista Antonietta
TREVISO - Treviso dice addio ad Antonietta Marsoni, pioniera della moda nel Veneto, creatrice negli anni ‘70 e ‘80 dei marchi di maglieria Marper e Lineagolf, con cui collaborarono stilisti del calibro di Rocco Barocco, Franco Moschino, Yves Saint Laurent e Mario Borsato. Tonia, come la chiamavano amorevolmente in famiglia, si è spenta mercoledì nella sua casa di Vicolo del Gallo. Era nata il 19 maggio 1928 a Santa Bona nella dimora di famiglia, a Villa Marsoni-Gabrieli, da una ricca famiglia di origini friulane. Rimasta orfana del padre Antonio a soli tre anni, Tonia ha vissuto la sua infanzia insieme alla madre Marcellina e ai fratelli Mariuccia e Luigino (caduto nella seconda guerra mondiale).

LA STORIA Negli anni della guerra, la famiglia si trasferì a San Zeno, vicino alla stazione ferroviaria. Scampata al bombardamento del 7 aprile 1944, la giovane Antonietta si diplomò all’istituto per ragionieri “Riccati” e pochi mesi dopo fu assunta dalla Cassa di Risparmio della Marca Trevigiana, nel nuovo centro meccanografico in Piazza San Leonardo. Ma Tonia sentiva di non essere tagliata per fare la ragioniera. All’inizio degli anni Cinquanta lasciò un lavoro ben retribuito per avviare, in una villetta di via Lorenzo Da Ponte, un piccolo laboratorio di maglieria. A ispirarla erano state le zie, che producevano piccoli capi in maglia per la “San Vincenzo”. Acquistata a rate una macchina professionale, Tonia creò golfini, twin set, maglioncini, abiti in lana e filati, aiutata da oltre venti dipendenti. Le sue collezioni conquistarono ben presto le signore trevigiane e il titolare di “Pettinelli Sport”, una delle boutique più in voga a Venezia in quel tempo. Per “Pettinelli”, Antonia Marsoni ideò una linea sportiva ma ricercata, scegliendo personalmente i filati a Borgosesia.

IL PERSONAGGIO «Quando mi iscrissi all’Albo degli Artigiani all’inizio degli anni Sessanta, in Veneto eravamo solo sei donne, le pioniere che hanno aperto la strada all’imprenditoria femminile che ha fatto grande il Made in Italy nella moda», raccontava nel suo libro di memorie, pubblicato da Editoriale Programma nel 2015. L’attività nel giro di una decina di anni si ampliò; il laboratorio fu spostato in viale Luzzati con il marchio Marper, completato dal negozio monomarca nella Loggia dei Trecento. Poi il salto di qualità con la costruzione di uno stabilimento sulla Postumia, a Paese, da cui uscirono i capi Lineagolf uomo-donna e le collezioni firmate dai grandi stilisti, con cui Tonia collaborò fino al 1986, anno in cui l’azienda (che dava lavoro a 300 persone) cessò l’attività, a seguito di una grave crisi finanziaria. Lascia i figli Manuela e Gian Marco Perini e i nipoti’70 . Le esequie si svolgeranno lunedì 17 febbraio alle 15, nella chiesa di San Vito a Treviso.
Ultimo aggiornamento: 14:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci