Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Per una squadra più compatta la giunta va a lezione di... rugby

Venerdì 21 Giugno 2019 di Carlo F. Dalla Pasqua
La giunta comunale sul campo del Benetton Rugby durante l'allenamento di ieri
1

TREVISO -  Che cosa può imparare una giunta comunale da una squadra di rugby? Molto, se il sindaco di Treviso Mario Conte ha deciso di impegnare gli assessori per cinque ore fuori dai loro uffici, sul campo del Benetton Rugby. Cinque ore nelle quali hanno partecipato prima a una parte teorica, guidata da Enrica Quaglio, professionista rodigina che si occupa di risorse umane e formazione, e poi a un paio d’ore sul campo con Antonio Pavanello (direttore sportivo del Benetton) e due giocatori, Edoardo Gori e Marco Barbini  «La forza del rugby - ha detto alla fine Conte - sono i valori che lo caratterizzano, un modello vincente anche per una squadra politico-amministrativa. Abbiamo imparato che cosa significhi giocare in squadra, sostenersi in continuazione e essere in grado di affrontare con successo eventi imprevedibili» «Una giornata eccezionale - gli ha fatto eco l’assessore alla Cultura Lavinia Colonna Preti: le parole più significative del rugby, determinazione, forza e umiltà, devono e possono essere anche quelle di una giunta. E, devo dire, Conte, è un capitano che ci richiama spesso al valore della squadra».
I PRINCIPI
Una squadra alla quale ieri mancavano gli assessori Linda Tassinari e Gloria Tessarolo, ma che ha comunque dimostrato affiatamento. Essere un gruppo, puntare tutti insieme a un solo obiettivo, avere ruoli anche molto diversi ma ugualmente importanti, saper comunicare, seguire le indicazioni di un allenatore e di un capitano, saper superare gli imprevisti in modo veloce ed efficace, sapersi sostenere in attacco e in difesa, vivere in uno spogliatoio (o in una sala giunta) come se si fosse in una famiglia sono principi che accomunano il rugby a qualsiasi altra attività. Per questo il Benetton da qualche anno organizza corsi di “team building” ai quali partecipano soprattutto aziende e imprenditori. Questa volta, per la prima volta, gli allievi sono stati dei politici. Il risultato? Buono, stando alle parole di Pavanello a sindaco e assessori, riuniti in cerchio come una vera squadra, alla fine della lezione: «Vi confesso che pensavo di trovarvi peggio, invece ho visto sostegno, determinazione, volontà di andare in meta insieme».
LE AFFINITÀ
Mentre sindaco e assessori stavano seduti sulla panchina dello stadio, Enrica Quaglio, Pavanello, Barbini e Gori hanno spiegato le regole principali del rugby, la disposizione di una squadra in campo ma, quello che è più importante, le caratteristiche di ogni singolo ruolo e le interazioni che ci devono essere fra i vari giocatori. Quello che la Quaglio ha tradotto nell’espressione “leadership condivisa”: così come nel rugby ogni singolo giocatore può diventare protagonista e il compito degli altri è quello di avere fiducia in lui e aiutarlo a superare la difesa e raggiungere l’obiettivo, così anche nella giunta un singolo assessore può diventare la persona più importante del momento e sarebbe sbagliato se altri colleghi cercassero di oscurarlo per semplice vanità personale. Perché il risultato che conta è quello del gruppo, non quello del singolo.
LA COMUNICAZIONE
Un tasto fondamentale battuto sia nella lezione teorica sia in quella pratica è stato quello della comunicazione interna: un giocatore che porta la palla deve sapere dove si trovano i compagni: per questo devono esistere codici di comunicazione tanto veloci quanto chiari ed efficaci per permettergli di fare la scelta migliore. Un esempio: «”Vai vai vai” non è il miglior esempio di comunicazione, perché scarica la responsabilità sul compagno e non aiuta a prendere una decisione» ha detto loro Pavanello. Ed è andata avanti così, fra mete, passaggi, sostegni e momenti di relax, con Conte che ha mostrato poco comuni doti di calciatore anche con la palla ovale, fin quasi al tramonto. Quando, come nella miglior tradizione del rugby, tutti si sono trovati per il terzo tempo nella casetta di Monigo, ora gestita dall’ex pilone Alberto De Marchi. E questa capacità di tenere all’interno del club persone come De Marchi, che hanno dato tanto alla squadra, è stata l’ultima lezione della giornata.

Ultimo aggiornamento: 22 Giugno, 09:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci