Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Accosta in autostrada per far fare la pipì al bimbo: auto distrutta nel tamponamento

Domenica 3 Luglio 2022
Tamponamento in autostrada
2

CONEGLIANO - Tamponamento ieri, sabato 2 giugno, qualche minuto prima delle 19, lungo l'autostrada A27, cinque chilometri prima del casello di Conegliano. Due i feriti, fortunatamente in modo non grave, portati in ospedale a Conegliano e Treviso. A restare feriti i due conducenti delle auto, una Fiat Panda e una Golf. A bordo di una delle autovettura, una famiglia del padovano, diretta verso la montagna per le vacanze. Papà al volante, mamma e bambino. Il piccolo ha una necessità impellente e a breve distanza non ci sono autogrill dove fermarsi, così il papà decide di accostare per permettere al figlioletto di espletare il bisogno fisiologico. Dall'auto scendono la mamma e il bimbo, che resteranno incolumi. Proprio in quel momento sopraggiunge l'altra auto che, per cause in corso di accertamento da parte della polizia stradale, intervenuta sul posto, ha tamponato l'auto ferma. Le due auto hanno subìto danni ingenti e, alla vista degli automobilisti che transitavano lungo l'autostrada, l'incidente è parso gravissimo. Le auto sembravano sventrate. Tanto è vero che sono partite numerose telefonate ai soccorsi. Sul posto sono giunte subito due automediche e l'ambulanza del Suem 118. I sanitari, però, hanno constatato che le condizioni dei feriti non erano gravi. I conducenti sono stati medicati sommariamente e sono stati trasferiti in ospedale. Si tratta di E. D., 43enne di origini albanesi e residente a Lecco, e L.U. 32enne padovano che era in vacanza con la famigliola. Le operazioni di soccorso hanno determinato il formarsi di lunghe code, che si sono smaltite nel corso della serata.

MARENO - Sempre ieri, l'elicottero del Suem 118 è intervenuto nel Gruppo del Bosconero, a Val di Zoldo, per una cordata in difficoltà. Durante la calata dalla via Strobel sulla Rocchetta di Bosconero, un alpinista, P.B., 60 anni, di Mareno, era rimasto sospeso nel vuoto a circa 50 metri da terra, mentre il compagno era fermo in sosta 60 metri più sopra. Ci sono voluti 94 metri di verricello per calare il tecnico di elisoccorso e recuperare lo scalatore in difficoltà.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci