La truffa del Superbonus: cantieri mai partiti. Fatture false per il credito d'imposta, sequestrati 110 milioni, 21 indagati. Più di 80 denunce nel Trevigiano

Mercoledì 19 Gennaio 2022
La truffa del Superbonus: cantieri mai partiti. Fatture false per il credito d'imposta, sequestrati 110 milioni, 21 indagati. Più di 80 denunce nel Trevigiano
5

I finanzieri del comando provinciale di Napoli hanno eseguito un sequestro preventivo d'urgenza, richiesto nella fase delle indagini preliminari dalla Procura di Napoli, riguardante circa 110 milioni di euro di crediti d'imposta relativi al «Superbonus 110%», nei confronti di un consorzio operante nel settore. Decine le denunce presentate anche a Treviso e in altre città del Veneto e del Friuli Venezia-Giulia.

IL FILONE TREVIGIANO

​Dopo l'arresto per truffa lo scorso novembre del presidente del presidente del consorzio Roberto Galloro, nella Marca era scoppiato il caso: con decine di clienti i cui cantieri non erano mai partiti e che per questo avevano presentato denuncia in Procura per truffa aggravata, percezione indebita di denaro pubblico e reati tributari. Nel giro di due mesi i casi sono aumentati. L'avvocata Maria Brusco, civilista esperta in diritto bancario, a cui si sono rivolti molti dei beffati, ne sta seguendo un'ottantina. Nell'ambito dell'inchiesta delle Fiamme gialle a Treviso è stata eseguita una sola perquisizione in una società legata al consorzio Sgai, senza sequestro di crediti. E nella Marca non risultano indagati, al momento.

LE PERQUISIZIONI DI OGGI

Sono state inoltre eseguite perquisizioni nei confronti di 21 persone fisiche e 3 società e sequestri preventivi di crediti nei confronti di 16 soggetti, tra istituti finanziari, società e persone fisiche. Le indagini sono scattate a seguito di un'analisi di rischio sviluppata dall'Agenzia delle Entrate sulla spettanza del bonus in materia edilizia previsto dal decreto Rilancio. Dagli accertamenti svolti dal Nucleo di polizia economico-finanziaria è emerso che il Consorzio, attraverso una rete di procacciatori, si sarebbe proposto nei confronti di privati cittadini interessati a effettuare i lavori rientranti nell'applicazione del superbonus, facendo stipulare loro dei contratti per «appalto lavori con cessione del credito d'imposta» e chiedendo la consegna della documentazione necessaria, salvo interrompere subito dopo i rapporti.

FATTURE PER OPERAZIONI INESISTENTI

Ricevuti i contratti, il Consorzio avrebbe emesso fatture per operazioni inesistenti nei confronti dei privati committenti in cui si faceva riferimento a uno stato di avanzamento lavori per una percentuale non inferiore al 30%, percentuale minima richiesta per vantare la cessione del credito d'imposta. Il Consorzio avrebbe così beneficiato di oltre 109 milioni di euro di crediti d'imposta, accumulati a partire dal mese di dicembre 2020, poi ceduti a intermediari finanziari ottenendone la monetizzazione, per un importo di oltre 83 milioni di euro. La Procura di Napoli ha chiesto e ottenuto la misura cautelare d'urgenza in modo da interrompere la circolazione dei crediti, individuare i responsabili e consentire agli ignari cittadini coinvolti di adottare iniziative legali a propria tutela. 

Video

Le attività di polizia giudiziaria, eseguite nei confronti del Consorzio e dei relativi membri del consiglio di amministrazione, dei cessionari finali dei crediti, degli intermediari e dei professionisti che avrebbero rilasciato le asseverazioni o il visto di conformità, hanno interessato le regioni Abruzzo, Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Piemonte e Veneto e sono state svolte anche con il contributo dei rispettivi reparti della Guardia di Finanza. 

 

Ultimo aggiornamento: 14:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci