Straordinari pagati come rimborsi: scoperti 437 lavoratori irregolari

Scoperta un sistema fraudolento per pagare gli starordinari

di Marco Corazza

Gli straordinari erano conteggiati come riborsi, la Guardia di Finanza scopre 437 lavoratori irregolari tra le provincia di Treviso, Pordenone e Gorizia. Il fine era di evitare il versamento delle ritenute Irpef e dei contributi previdenziali, così una società con sede legale a Gorizia (e unità locali a Monfalcone e nelle province di Pordenone e Treviso), operante in subappalto, all’interno di grandi commesse nel settore della carpenteria metallica, ha adottato, a dal 2014, un sistema di retribuzione dei dipendenti che ha consentito di “mascherare” i compensi per lavoro straordinario, rimpiazzandoli con voci totalmente o parzialmente non soggette a tassazione, quali le indennità di trasferta ed i rimborsi chilometrici. Il meccanismo è stato però scoperto dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Gorizia che, dopo essere stata allertata da una segnalazione dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Udine e Pordenone, ha accertato l’irregolare assunzione, negli anni 2014, 2015 e 2016, di ben 437 lavoratori, in prevalenza di nazionalità bosniaca, serba e croata, sistematicamente retribuiti indicando in busta paga voci fittizie anziché l’esatto ammontare del lavoro straordinario prestato. 
 


Le dichiarazioni rese dai dipendenti durante gli accessi che le fiamme gialle goriziane e gli ispettori del lavoro hanno eseguito in diversi cantieri, nonché l’esame di alcuni documenti contabili e messaggi di posta elettronica acquisiti nel corso della verifica fiscale, hanno fatto comprendere l’evidente evasione fiscale e contributiva dell’impresa goriziana. Accertamenti intrapresi nel gennaio 2017 e conclusi nelle scorse settimane, che hanno permesso di ricostruire in quasi un milione di euro l’ammontare del lavoro straordinario a cui non sono state applicate le ritenute Irpfe per 270.530 euro, mentre l’imponibile previdenziale sottratto a tassazione contributiva è stato quantificato in 1.027.890 di euro. 

La società con sede nel capoluogo isontino, costituita nel febbraio 2014 e con un volume d’affari nel 2016 pari a quasi sei milioni di euro, al termine delle indagini, è stata avviata alla liquidazione volontaria da parte dell’amministratore e socio unico, un cittadino di nazionalità slovena. L’attività d’indagine svolta dalla Guardia di Finanza di Gorizia, con la stretta collaborazione dell’Ispettorato del Lavoro, è stata finalizzata a contrastare il fenomeno del lavoro nero e irregolare e di tutte le manifestazioni di illegalità connesse, quali l’evasione
contributiva e le frodi in danno del sistema previdenziale, ma ha avuto anche l’obiettivo di tutelare le imprese oneste da una dannosa forma di concorrenza sleale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 18 Maggio 2018, 10:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Straordinari pagati come rimborsi: scoperti 437 lavoratori irregolari
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-05-19 08:28:39
Nord-est, la locomotiva d'itagglia. Basta evadere le tasse e il gioco è fatto.. Nel nord-est itaglia si vantano tanto delle loro azienda e alla fine si scopre la verità.....enrico, carta è penna che son finite le vacanze....hahahahahahaahahahahahahahahaaha....scrivi che qui ce ne' sono di padani ...hahahahahahaahahahahaciao enricchione..ciao.
2018-05-18 12:48:00
Vogliamo vedere la medaglia dalla parte dell'imprenditore e degli operai? se il mio datore di lavoro per esigenze di lavoro mi chiede di fare gli straordinari , ma se me li paga in busta paga non solo non ci guadagno nulla , ma addirittura prendo meno delle 40 ore normali , voi accettereste di lavorare di più e guadagnare meno? assolutamente no , devo continuare o lo avete già capito ? considerate anche che se mi mettono in busta paga gli straordinari ed il mio salario diminuisce , i contributi che il padrone mi paga vanno nel cesso , voi accettereste? ciliegina finale la società chiude ( e fa bene ) e licenzia tutti . Bel lavoro guardia di finanza., siete i cecchini dell'economia italiana.
2018-05-18 12:02:24
Quante aziende pagavano gli extra, sottoforma di rimborsi kilometrici ? Parecchie ! Quanti artigiani si compravano la macchina pagando il leasing con rimborsi kilometrici fasulli ? Parecchi ! Il malcostume in Italia è ben consolidato.
2018-05-18 11:53:49
Il fine era di evitare il versamento delle ritenute Irpef e dei contributi previdenziali, quindi non ci pagano la pensione, come si chiama questa legge di mercato?