Due tartarughe ferite e in cura a Spresiano: ecco la storia di Cenere ed Hook Foto

Venerdì 3 Giugno 2022 di Brando Fioravanzi
Nuova vita per Cenere ed Hook: in via di guarigione le due tartarughe ferite e in cura a Spresiano

SPRESIANO - Sono finalmente in via di guarigione Cenere ed Hook, le due tartarughe ferite che da tempo sono in cura dal dottor Marco Martini e dal suo staff all’Ambulatorio Veterinario San Carlo di Spresiano. Nella giornata odierna il sindaco Marco Della Pietra si è quindi recato da veterinari per constatare di persona lo stato di salute delle due creature marine ed ha potuto così vedere coni propri occhi i miglioramenti dei due esemplari di “Caretta Caretta” che ormai da un anno fanno la spola tra la Marca e la Riviera Romagnola.

La storia di Cenere aveva già emozionato tutti lo scorso anno visto che, dopo essere stata colpita dall’elica di una barca, era stata subito operata per dotarla di un carapace provvisorio a causa di una grave e profonda ferita riportata nell’impatto. Ora sta meglio ed è curata e sorvegliata attentamente dallo staff del dottor Martini insieme ai volontari del Cestha (Centro sperimentale per la tutela degli habitat) di Marina di Ravenna. Una storia a lieto fine resa possibile grazie anche al fondamentale supporto dell’Enpa di Treviso che l’anno scorso ha deciso di sostenere il percorso di cura e terapia di Cenere offrendo supporto nella logistica e nelle spese veterinarie con l’obiettivo di restituirle un nuovo guscio.

E poi la vicenda di Hook che aveva inghiottito un amo ed è per questo stato operato con successo per salvargli la vita. A Spresiano, però, stanno crescendo in totale sicurezza anche le piccole testuggini di palude "emys orbicularis" salvate da morte sicura e prese poi in cura dalla figlia del dottor Martini. Appena saranno cresciute verranno immediatamente liberate nel loro habitat naturale. «Vedere dal vivo questi animali è stato davvero suggestivo - spiega il sindaco Della Pietra -, ma la cosa che più mi ha colpito della visita in ambulatorio è stata la percezione forte e chiara dell’amore che tutte le persone al suo interno provano per gli animali e per quello che fanno. E ancora di più, se possibile, la reciprocità dello stesso. É stato difatti evidente e palpabile anche l’amore che le tartarughe provano per Marco ed il suo staff».

 

 

Ultimo aggiornamento: 5 Giugno, 12:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci