«Era aggressivo con i figli»: spara al cane e lo finisce a colpi di martello

«Era aggressivo con i figli»: spara al cane e lo finisce a colpi di martello

di Denis Barea

GIAVERA - Quel cane era diventato aggressivo e secondo lui costituiva una minaccia per la sua famiglia, in particolare per i figli piccoli. E così non è andato troppo per il sottile quando ha deciso di sopprimerlo: ha imbracciato il fucile da caccia e ha sparato due colpi, freddandolo. Ma il cane, che lui stesso aveva trovato sulle colline del Montello, forse abbandonato, era regolarmente registrato. E questo, insieme al fatto di aver usato un'arma da fuoco in un luogo abitato ha fatto finire L.F., 49enne residente a Giavera, a processo con l'accusa di maltrattamento nei confronti di animali

IN AULA
Ieri c'è stata la prima udienza, un'ora scarsa di dibattimento in cui sono stati sentiti alcuni testimoni, tra cui la nipote dell'uomo, in pessimi rapporti con lo zio e che risulta essere la persona che, la sera del 9 agosto del 2014, uditi i colpi di fucile ha avvisato i Carabinieri della stazione di Volpago del Montello. Tra i testi ascoltati anche uno dei militari intervenuti sul posto, secondo cui il cane, dopo le due fucilate, sarebbe stato finito a colpi di martello...

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 27 Settembre 2017, 11:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Era aggressivo con i figli»: spara al cane e lo finisce a colpi di martello
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 78 commenti presenti
2017-09-30 23:05:19
Beh sono punti di vista, c'è chi da più importanza ai modi e chi da più importanza ai fatti.
2017-09-29 15:35:40
Certo che non lo fanno con fucile e martello, ma la fine che fa l'animale è la stessa!! Mi sembra chiaro che lei non ha mai visto uccidere un animale, altrimenti non mi parlerebbe di cosa è lecito e cosa non lo è. Esiste anche la coscienza e la coerenza, ma so che non sono cose che vanno molto di moda al giorno d'oggi.
2017-09-29 17:15:31
Mi sembra chiaro che lei non ha mai visto uccidere un animale e' una considerazione che potrebbe tenersi per se visto che non ci conosciamo. Ho passato l'infanzia in campagna e le posso garantire che di animali ne ho visto morire molti. Non e' la fine che fa l'animale a fare la differenza ma il modo in cui viene ucciso, mi sembra evidente.
2017-09-29 13:21:50
erikpd, io esordito dicendo che potevano sicuramente essere usati altri metodi per allontanare il cane dai bambini, non doveva essere per forza soppresso, e non in quel modo (quindi l'articolo l'ho capito). Ho voluto solo mettere in luce il fatto che non è un caso che i cani attacchino i bambini, e se lo fanno non è per forza perché sono stati maltrattati (come più di qualcuno ha sostenuto). Poi sul fatto che qualcuno giudichi un assassino chi sopprime un cane per proteggere i propri figli e intanto continua serenamente a fare uso di miriadi di cose derivate da animali uccisi (in maniera "piu umana"??... boh), beh credo che ci sia molta ipocrisia. p.s. Lei ha mai visto come viene ucciso "umanamente" un agnello, o un vitello, o un maiale?? Io credo che semplicemente quel cane sfortunato abbia la stessa dignità degli altri animali, ed è per questo che non straccio le vesti per una notizia del genere (che è ancora la più condivisa sul sito)
2017-09-29 14:55:56
lei di commenti ne ha scritti molti e non ne condivido neppure uno. Se gli animali di cui parla vengono uccisi in modo lecito di certo non lo fanno con un fucile da caccia ed un martello.