Sesso ai giardini con il profugo per avere in cambio la droga

Venerdì 23 Giugno 2017
36

TREVISO - Gli accordi erano chiari. Lui, un profugo 23enne del Gambia, le avrebbe dato alcune dosi di marijuana, già confezionate e pronte per essere fumate. Lei, una trevigiana di 20 anni, a caccia di canne ed emozioni forti, le avrebbe dato, invece di denaro, un rapporto sessuale completo e all'aria aperta.
L'affare droga-sesso è stato mandato in fumo dall'intervento degli agenti del nucleo operativo della polizia locale di Treviso che hanno sorpreso i due, alle 16 di giovedì pomeriggio, in atteggiamenti inequivocabili: si trovavano in un angolo dei giardinetti di Sant'Andrea, nel cuore del centro storico di Treviso; i due si erano appartati dietro ad un albero, sicuri che nessuno avrebbe mai potuto disturbarli. Lui, come confermano dei testimoni, aveva entrambe mani impegnate: una sul seno e una sotto la gonna. Insomma la coppia era nel bel mezzo di un amplesso.
Per loro sfortuna, come detto, sul posto sono giunti gli agenti della polizia locale, cui la scena non poteva sfuggire (come è stato del resto per alcuni passanti) e il festino è stato interrotto. Lui sarà denunciato per spaccio con l'aggravante della prestazione sessuale.

Ultimo aggiornamento: 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA