Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Passa il Giro d'Italia: chiuse tutte le scuole del Comune e anche gli asili

Martedì 17 Maggio 2022 di Brando Fioravanzi
Passa il Giro d'Italia: chiuse tutte le scuole del Comune e anche gli asili

TREVISO - Una giornata intera senza lezioni ma con un focus sullo sport ed il ciclismo. E' quella che si apprestano a vivere gli studenti trevigiani il prossimo giovedì 26 maggio, giornata da segnare sul calendario in quanto il capoluogo sarà sede dell'atteso arrivo della 18^ tappa del Giro d'Italia e della 15^ tappa del Giro E (evento cicloturistico inserito nel calendario della Federazione Ciclistica Italiana e caratterizzato dall'uso delle biciclette da corsa a pedalata assistita per sensibilizzare alla mobilità sostenibile). Per l'occasione, Ca' Sugana ha disposto con un'ordinanza la sospensione delle attività didattiche e quindi la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private, compresi gli asili nido presenti nel territorio comunale.


QUARTIERE TAPPA
Resterà invece chiuso anche il 27 maggio l'istituto Stefanini che ospiterà il Quartiere Tappa con gli allestimenti della sala stampa, della sala fotografi, dell'area accrediti oltre che degli spazi dedicati ad RCS Sport e alle videoconferenze. Una scelta, quella operata dal Comune, invisa però a molti genitori che ieri sui social hanno espresso tutte le loro perplessità.


I GENITORI DEGLI ALUNNI
Per molti, infatti, la chiusura di asili e scuole vuol dire essere costretti a trovare delle soluzioni alternative per seguire i figli nonostante il lavoro e gli impegni quotidiani di ognuno. «Il Comune dovrebbe pagare un giorno di ferie a tutti i genitori che non sanno dove portare i loro figli» scrive ad esempio Renato a cui segue la provocazione di Silvia: «Chi lavora dove porterà i figli? In Municipio forse?». «Con l'Ufficio Scolastico provinciale e la Prefettura abbiamo convenuto che la chiusura delle scuole fosse assolutamente necessaria commenta Silvia Nizzetto, assessore comunale alle Politiche Giovanili, Partecipazione e Istruzione A monte, infatti, ci sono problematiche che riguardano la sicurezza, la logistica, la viabilità ed i trasporti, soprattutto delle navette per gli studenti. Motivo anche per il quale abbiamo deciso di sospendere le lezioni solamente il giorno dell'arrivo di tappa e non già dal giorno antecedente come si era fatto in passato. Inoltre, permettere ai ragazzi di recarsi in aula in una giornata speciale come quella del Giro d'Italia avrebbe voluto dire arrecare anche disagi nella gestione dell'intera manifestazione internazionale». «L'obiettivo condiviso fin da subito con il sindaco Mario Conte continua l'assessore - è stato quello di far uscire i ragazzi, portandoli in città così da far loro ammirare le gesta sportive dei corridori del Giro e invogliarli magari all'attività sportiva all'aperto, soprattutto in questo periodo post pandemia in cui il bisogno di socialità è ai livelli massimi proprio negli studenti».


IL PERCORSO
La Borgo Valsugana-Treviso è la tappa che congiunge la Valsugana con la pianura veneta attraverso il passaggio delle scale di Primolano, unica asperità di giornata assieme all'immancabile Muro di Ca' del Poggio a Farra di Soligo che porterà poi a Treviso attraversando tutta una serie di strade rettilinee generalmente larghe a favore della carovana rosa. Da segnalare ci sono però i numerosi attraversamenti cittadini con il loro corredo di rotatorie e spartitraffico a cui tutti i corridori dovranno stare attenti, soprattutto nel capoluogo dove la corsa affronterà un circuito di circa 11 km da ripetere una sola volta. Negli ultimi chilometri il circuito finale sarà caratterizzato da strade ampie e pianeggianti (attraversando Viale della Repubblica, strada Santa Bona Nuova, Viale Monfenera e Viale Cairoli), fatta eccezione per un breve tratto tra i 4 e i 2 km dall'arrivo che risulta leggermente più stretto. Poi una sola svolta impegnativa ai 3 km dall'arrivo per arrivare così agli ultimi 2 km e ad un'ultima curva a circa 1.200 metri dal traguardo posto in Viale Nino Bixio.

Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 14:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci