Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Inaugurato il rondò di Salvarosa: studenti a scuola più sicuri senza l'incrocio

Sabato 25 Giugno 2022 di Lucia Russo
Il taglio del nastro della nuova rotonda di Salvarosa

CASTELFRANCO VENETO - Risolto uno dei nodi della viabilità di Castelfranco Veneto e messo in sicurezza il percorso delle scuole. Inaugurata questa mattina, 25 giugno, la rotatoria di Salvarosa all'incrocio tra la Strada Provinciale 102 e via Loreggia. Un'opera che va a garantire una maggiore sicurezza di uno dei punti della viabilità ad alta frequentazione, soprattutto da studenti e lavoratori. Un nodo, quello a sud est del centro cittadino, caratterizzato oltre che da elevato traffico, anche da un’elevata incidentalità e numerose criticità, specie negli orari di punta.

L'iter dei lavori: l'inizio nel 2016

La prima fase è stato l'inserimento nell'opera all'interno del Piano Triennale delle opere pubbliche 2018-2020, quindi è stato redatto un primo studio di fattibilità approvato in giunta nel 2016 cui è seguita la progettazione definitiva che ha permesso all’ente di partecipare al bando provinciale per l’assegnazione dei contributi per gli anni 2019.-2020 ai Comuni della provincia di Treviso per la realizzazione di interventi di messa in sicurezza e riqualificazione e infrastrutture per la mobilità e opere connesse alla loro funzionalità che interissino la rete viaria. Dato il valore del progetto, il Comune di Castelfranco Veneto è rientrato nella graduatoria dei beneficiari di contributo provinciale ottenendo 200mila euro che hanno finanziato oltre la metà del costo complessivo dell’opera che ammonta a circa 500mila euro. Quindi il Comune ha affidato la progettazione esecutiva allo studio Logit che lo ha presentato nell’autunno del 2020. Commenta il presidente della Provincia e sindaco di Castelfranco Veneto, Stefano Marcon: «La riqualificazione dell’incrocio con la creazione della rotatoria che inauguriamo oggi nasce con l’intento di risolvere un nodo viario che, seppur periferico, in più occasioni ha dimostrato le proprie criticità sia perché molto trafficato nelle ore di punta, specie da parte di chi cerca un’alternativa alla SP667 che collega Castelfranco a Riese Pio X, sia per il considerevole numero di incidenti. Nei 5 anni compresi tra il 2013 ed il 2017 si sono registrati 10 incidenti, che hanno provocato il ferimento di 18 persone, e tutti con dinamica per lo più simile con scontri frontali laterali causati da mancato dare la precedenza. Per questo non era più possibile rimandare questo intervento che finalmente rende questa intersezione più sicura e funzionale. L’opera consente non solo di migliorare la circolazione del nodo, ma anche una serie benefici ulteriori che vanno dalla diminuzione dei tempi di attesa per attraversare l’incrocio, specie nelle ore di punta, alla riduzione della velocità in un tratto in cui i conducenti tendono a viaggiare a velocità sostenuta ad una più generale riqualificazione dell’area in quanto la costruzione di una rotatoria funge anche da elemento di arredo urbano favorendo l’abbellimento architettonico e urbanistico de contesto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci