«Devo affittare un appartamento qui, mi fa vedere il suo?», ma era una trappola

PER APPROFONDIRE: anziani, furti, gorizia, rapina, treviso, udine
«Affitto appartamento qui, mi fa  vedere il suo?», era una trappola
TREVISO - «Devo affittare un appartamento in questo palazzo, posso vedere com'è il suo?». Con questa e altre richieste inventate quattro persone italiane di origine rom, due uomini e due donne, sarebbero riuscite a carpire la fiducia soprattutto di anziani e a mettere a segno almeno 21 colpi (20 furti e una rapina) in varie regioni italiane (Marche, Toscana, Umbria, Abruzzo, Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia): le donne affabulavano le vittime e gli altri si impadronivano di denaro e preziosi.

Tre di loro - due uomini di 38 e 20 anni e una 20enne, residenti in provincia di Roma - sono stati arrestati dai carabinieri di Numana della Compagnia di Osimo con l'operazione 'Go Away' con le accuse di associazione a delinquere finalizzata a furti e rapina su ordine del gip di Ancona Antonella Marrone, su richiesta dal pm Rosario Lioniello. Un'altra donna, 19 anni,è stata denunciata per gli stessi reati. La banda, che commetteva anche furti con la classica effrazione, avrebbe racimolato un bottino di 95mila euro.

L'operazione dei carabinieri, che ha preso spunto dalla rapina commessa il 29 marzo scorso a casa di un'anziana a Sirolo (Ancona), è stata illustrata dal comandante provinciale dell'Arma di Ancona, col. Cristian Carrozza e dal comandante della Compagnia di Osimo, magg. Luigi Ciccarelli. Nel caso di Sirolo i malviventi vennero scoperti dalla figlia dell'anziana presa di mira: mentre cercava di bloccare la loro fuga, venne scaraventata contro il muro dai rapinatori. Incrociando i tabulati telefonici in zona e i tragitti delle auto noleggiate a Roma che i componenti della gang utilizzavano per spostarsi nel Centro Nord Italia, i militari hanno scoperto che medesimi numeri di telefono (intestati a senegalesi) agganciavano celle telefoniche di luoghi dove si erano verificati furti compiuti quasi sempre con le stesse modalità. A tali elementi si sono aggiunti riconoscimenti fotografici. Dal 10 gennaio scorso (quattro furti in un giorno tra Senigallia e Marotta), la banda sarebbe entrata in azione ad Arezzo, Orvieto, Pratola Peligna, Sulmona, Faenza, Ancona, Riccione, Empoli, Savogna d'Isonzo, Udine e Treviso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 10 Ottobre 2018, 09:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Devo affittare un appartamento qui, mi fa vedere il suo?», ma era una trappola
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-10-11 06:28:20
Fate bene ad allertare la popolazione sui trucchi usati dai delinquenti, in modo che il popolo impari a non cadere vittima di questi delinquenti! Fate malissimo pero' a spiegare ai delinquenti come i Poliziotti ed i Carabibieri sono riusciti a prenderli. Quali tecniche adoperano per acciuffarli! Cosi' facendo voi insegnate ai delinquenti come devono fare per non essere presi!!Davvero mi chiedo: Ma voi da che parte state?
2018-10-10 23:20:11
Qualche prete (soprattutto di... alto grado) dovrebbe leggere questo articolo. E riflettere sul fatto che la fiducia, una volta persa in questo modo, non si riconquista piu'. Inutile poi prendersela con le "paure"; nessuno vuole essere derubato, e se questa e' la conseguenza della fiducia, la fiducia svanisce per sempre, e tutte le belle parole che sentiamo cosi' spesso (accoglienza, apertura, solidarieta'...) non valgono piu' NULLA.
2018-10-10 21:59:02
Mai visto né sentito di un Rom che ha un lavoro regolare e paga le tasse.
2018-10-10 19:51:59
fatemi capire, ma rom e' diminutivo di abitanti di Roma? perché pare provengano tutti da li'.
2018-10-10 19:50:21
Se una persona mi fa questa domanda io gli rispondo cosi': vuole che le faccia vedere il mio ... cosa? Se poi intuisco che sono rom neanche rispondo e chiamo subito la polizia, a pensar male speso ci si azzecca.