Quarantena per i turisti: a Motta e Valdobbiadene due Covid Hotel

Mercoledì 21 Luglio 2021 di Mauro Favaro
L'ospedale Guicciardini, già utilizzato durante il picco della pandemia, trasformato, assieme alla Rsa di Motta, in un Covid Hotel per le quarantene dei turisti positivi
2

Punto tamponi in aeroporto e due Covid Hotel, a Valdobbiadene e Motta di Livenza, per la quarantena dei turisti che dovessero risultare positivi e per chi ha viaggiato con loro. Il nuovo Covid Point per i passeggeri che atterrano al Canova verrà aperto entro venerdì. L’Usl della Marca monterà una tensostruttura proprio davanti al terminal, nello spazio del park A. In caso di contrattempi tecnici, si comincerà comunque sfruttando il camper del dipartimento di Prevenzione.


IL SERVIZIO
Il servizio sarà attivo dalle 7.30 alle 22.30, con la presenza di tre infermieri e due addetti amministrativi. «Siamo pronti a fare il tampone su una media di 1.000 passeggeri in arrivo al giorno – spiega Francesco Benazzi, direttore generale dell’Usl – la posizione del Covid Point ci aiuterà: non è possibile lasciare l’aeroporto senza passarci davanti. Non è previsto un obbligo. Ma il tampone per chi rientra è fortemente raccomandato per tenere sotto controllo la diffusione delle varianti del Covid». Alla luce dell’ultima ordinanza firmata dal governatore Luca Zaia, il test in aeroporto oggi è fortemente raccomandato in particolare per le persone non vaccinate che arrivano o rientrano da 14 Paesi: Regno Unito, Malta, Spagna, Grecia, Slovenia, Croazia, Paesi Bassi, Belgio, Portogallo, Francia, Cipro, Lussemburgo, Romania e Bulgaria. Compreso chi è transitato per una di queste nazioni nei 14 giorni precedenti l’arrivo nel trevigiano e in Veneto in generale. Si guarda soprattutto alla variante Delta, la cosiddetta Indiana. Ma non solo.


LE DUE STRUTTURE
Cosa succederà nel caso in cui uno dei passeggeri in arrivo risultasse contagiato dal Covid? Per i residenti nella Marca scatterebbe l’isolamento domiciliare. Per i turisti, invece, entreranno in gioco i Covid Hotel dedicati alle quarantene di 14 giorni. L’azienda sanitaria ha dato questa nuova destinazione all’ex ospedale Guicciardini di Valdobbiadene e all’area isolata che si trova nell’ambito della casa di riposo Tomitano Boccassin di Motta di Livenza. Entrambe le strutture sono già state usate come ospedali di comunità Covid. Ora in caso di necessità torneranno buone dal punto di vista alberghiero. «I viaggiatori che dovessero risultare positivi potranno essere isolati sfruttando i posti letto a disposizione nelle strutture di Valdobbiadene e Motta – conferma il direttore generale dell’Usl – queste saranno nella sostanza due nuovi Covid Hotel». Il discorso vale anche per chi ha viaggiato con una persona positiva nello stesso aereo. Con la differenza che per i compagni di viaggio, in caso di tampone negativo, la quarantena si fermerà a cinque giorni. A conti fatti, quindi, una sola positività in un aereo con il tutto esaurito potrebbe portare all’isolamento di oltre 130 persone. Di pari passo, inoltre, l’Usl ha aumentato il numero di operatori dedicati al tracciamento dei contatti dei casi positivi, salito da 20 a 30. «Oggi a livello generale contattiamo un centinaio di persone al giorno – dice Benazzi – ma abbiamo voluto rafforzare il servizio per essere pronti davanti a una diffusione sempre maggiore della variante Delta». Per l’aeroporto Canova si tratta di una prima volta sul fronte dei tamponi. Dopo l’esplosione dell’epidemia alla fine di febbraio del 2020, lo scalo era infatti rimasto chiuso per 15 mesi, fino alla riapertura del primo giugno. Si parte quindi da zero. Ma le premesse sono buone. Lunedì c’è stato un sopralluogo congiunto che ha visto la partecipazione di Benazzi e Stefano De Rui, direttore del dipartimento di Prevenzione, con Corrado Fischer, direttore operativo del gruppo Save, la società che gestisce l’aeroporto, e Federico Scanferlini, direttore del Canova. E da oggi inizieranno i lavori per l’allestimento del nuovo Covid Point per i passeggeri in arrivo a Treviso.
 

Ultimo aggiornamento: 16:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA