Il monito di Luca Zaia: «Mai nuovi alberghi nella zona Unesco delle Colline del Prosecco»

«Mai nuovi alberghi nella zona Unesco delle Colline del prosecco»
VALDOBBIADENE (TREVISO) - «Non daremo mai l'autorizzazione a costruire nuovi alberghi nella zona Unesco delle Colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene». Lo ha detto oggi, a margine del "Buy Veneto", il presidente della Regione, Luca Zaia.

Un robot nelle vigne: falcia l'erba, dà fitofarmaci, pota le viti e raccoglie l'uva

«Le Colline - ha aggiunto - ci serviranno come apripista per un mercato nuovo. Oggi quell'area conta circa 250mila turisti l'anno, il nostro benchmark nei prossimi 10 anni è di arrivare a 1,5 milioni. Ma non ci sarà alcun nuovo albergo. Vogliano sviluppare un sistema rispettoso, e stiamo facendo tutte le norme per arrivare all'albergo "diffuso", fatto dal recupero di tutti i micro-casolari esistenti in quelle zone. L'Unesco lo sa bene. Il 60% del territorio delle colline di Conegliano-Valdobbiadene è boscato, e qui i vigneti esistevano già nell'800».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 7 Ottobre 2019, 13:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il monito di Luca Zaia: «Mai nuovi alberghi nella zona Unesco delle Colline del Prosecco»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-10-07 18:57:22
1,5 milioni di turisti, ma hai chiesto agli abitanti se sono d’accordo?
2019-10-07 15:23:35
Vedremo vecchie latrine abbandonate in mezzo al bosco diventare, come per magia, palazzi di 3 piani con piscina e annessi campi da tennis.. Statene certi.
2019-10-07 15:16:21
Alberghi no, sarà, ma di vigneti di dubbia qualità non c'è fine. Ciao enrico e segna.
2019-10-07 13:43:07
Le ultime parole famose. Mi ricordo qualche anno fa, io come tutti i veneziani che amano Venezia, il sindaco Brugnaro che con finto tono indignato aveva detto che era ora di finirla con i take away cgh erano veramente troppi. Da allora i veneziani scoprono che viene aperto un nuovo take away ogni santo giorno. Questi sono i politicanti che ci tocca subire e che cambiano opinione secondo gli interessi forti che gli bussano alla porta.