Negava l'esistenza del Covid: il virus uccide il professor Iovine a 64 anni

Mercoledì 26 Gennaio 2022
Il professor Emiddio Iovane

CASTELFRANCO - Era salito sulla cattedra di diverse scuole superiori castellane. La scorsa settimana è stato ucciso dal Covid a 64 anni. L'ennesima vittima del virus è il professor Emiddio Iovane. Nel suo profilo Facebook non aveva mai nascosto i dubbi nei confronti dell'infezione, del suo decorso e della pandemia, spingendosi a contestare, pur in toni urbani, l'effettiva necessità e utilità di sottoporsi alla vaccinazione. I post erano spesso scritti da altri internauti, che Iovane aveva sempre ricondiviso, facendo intendere che le sue idee sposassero quelle tesi: da ci usano come cavie a tutti i buchi neri del super Green pass a il rischio di infezione è più alto dopo la seconda dose di vaccino. Convinzioni pericolose, soprattutto in un periodo di contagi dilaganti come l'ultimo, con un'incidenza che, nell'area della castellana, è quasi di tremila contagiati ogni centomila abitanti.

VUOTO INCOLMABILE
Il destino, purtroppo, non è stato benevolo. Ma a prescindere dalle sue posizioni sul tema Covid, Iovane lascia un grande vuoto in tutta la città, sia tra i suoi tantissimi ex studenti che nella sua famiglia con la moglie Clelia Memoli e i due figli, Alessio e Veronica, che nei giorni scorsi gli hanno dato l'ultimo saluto. Iovane, originario del salernitano, era molto conosciuto proprio per essere stato docente in diversi istituti superiori. Tra questi anche l'Isiss Carlo Rosselli, l'istituto Arturo Martini e l'Ipsia Galileo Galilei. Da tempo si era ritirato dalle cattedre castellane aggiornando il suo profilo Facebook con la dicitura di ex dipendente della scuola. 

Ultimo aggiornamento: 11:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci