Veneto Banca, Consoli rinuncia a parlare: a Natale la sentenza

Martedì 23 Novembre 2021 di Giuliano Pavan
Vincenzo Consoli

TREVISO - Era una corsa contro il tempo, prima che la prescrizione mandasse in malora anni di indagini. Il tribunale di Treviso, indipendentemente da quale sarà l'esito del processo, aveva dichiarato l'obiettivo all'inizio del dibattimento: arrivare a una sentenza di primo grado. Ci riuscirà per due dei tre reati contestati a Vincenzo Consoli, l'ex amministratore delegato ed ex direttore generale di Veneto Banca. Il fitto calendario di udienze ha infatti portato ieri all'esaurimento dei testimoni della difesa, molti dei quali non si sono nemmeno presentati in aula senza dare giustificazione per l'assenza e abbandonando, di fatto, Consoli al suo destino, visto che avrebbero dovuto assumersi l'incarico di sconfessare l'impianto accusatorio della Procura. Circostanza che ha portato il collegio a fissare la data della sentenza: 23 dicembre. Giusto due giorni prima di Natale, quando sull'accusa di falso in prospetto sarebbe calata la mannaia della prescrizione, come successo il 26 ottobre scorso per quella di aggiotaggio (quella di ostacolo alla vigilanza bancaria si prescriverà invece nell'ottobre 2022). A una sentenza definitiva non si arriverà mai, sia chiaro. Ma un pronunciamento del tribunale può aprire diverse porte in sede civile, e non solo.


IL RIFIUTO

Ad accelerare i tempi è stato lo stesso Consoli che ieri mattina, per bocca del suo legale, l'avvocato Ermenegildo Costabile, ha rinunciato a parlare in aula. Il suo esame, non richiesto né dai pubblici ministeri Massimo De Bortoli e Gabriella Cama né dai legali di parte civile (decine di avvocati dei risparmiatori che ormai da diverse udienze non si presentano nemmeno più a processo senza neanche farsi sostituire da qualche collega), era stato prospettato proprio dalla difesa, che si era però riservata la decisione facendo fissare un'udienza apposita che si sarebbe dovuta tenere venerdì prossimo, il 26 novembre. Non si celebrerà. Eppure un mese fa era stato lo stesso Consoli a intervenire sul punto: «Mi voglio fare interrogare per poter replicare alle tante falsità che ho sentito - aveva dichiarato l'ex ad di Veneto Banca - anche se il mio avvocato dice che non è il momento». Il riferimento non era tanto ai testi chiamati a deporre dovendo rispondere alle domande dei giudici, dei pm e degli avvocati. Anzi, riguardo a loro aveva sostenuto: «Se toglie gli ispettori di Banca d'Italia, chi è che ha sfilato?», come a dire che le uniche accuse contro di lui sono arrivate dall'ente controllore e non da chi materialmente operava nell'ex popolare di Montebelluna. Era il contorno che lo disturbava, il rincorrersi di voci e ricostruzioni che continua a ritenere fantasiose e non veritiere. E voleva dire la sua davanti ai giudici. Ma non accadrà.


IL CALENDARIO

Il 3 dicembre, salvo imprevisti, si chiuderà il dibattimento. Quel giorno sul banco dei testimoni si siederanno i due consulenti incaricati di esprimersi sulla relazione depositata dall'accusa, scritta da uno dei liquidatori, che affronta in estrema sintesi le cause del tracollo. «I miei periti - ha dichiarato al termine dell'udienza di ieri l'avvocato Costabile - diranno che quelle 4mila pagine non sono riusciti a leggerle. D'altra parte ne depositeranno 400 che il pubblico ministero dovrà visionare e non so come farà. A Vicenza, con più imputati ma accuse che vertevano prevalentemente sulle cosiddette baciate, il processo è durato più di due anni. Qui invece, con implicazioni che riguardano anche la qualità dei crediti che vantava Veneto Banca, il procedimento è durato solo 9 mesi». Non è detto, dunque, che basti l'udienza del 3 dicembre per esaurire gli ultimi due testimoni. Il tribunale, nel caso, richiamerà tutti in aula lunedì 6. Già, perché i passi successivi sono già fissati: giovedì 9 dicembre si procederà con la requisitoria dei pubblici ministeri al termine della quale verrà presentata la richiesta di condanna, venerdì 10 sarà la volta degli avvocati di parte civile, e lunedì 13 spazio all'arringa difensiva dell'avvocato Costabile. Poi dieci giorni di attesa, fino a giovedì 23, giorno in cui i giudici emetteranno la sentenza.

Ultimo aggiornamento: 16:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA