«Prete attacca Salvini nell'omelia»: scoppia la protesta alla Messa

Lunedì 10 Dicembre 2018 di Gabriele Zanchin
Don Claudio Miglioranza e Matteo Salvini
118

CASTELFRANCO - Don Claudio Miglioranza critica il ministro Salvini dal pulpito durante la messa delle 11.30 di ieri mattina celebrata alla Pieve a Castelfranco. Dalla platea Giorgio Vigni vicepresidente della Life Treviso si alza ed esce dalla chiesa per protesta (rientrerà a predica terminata).

LA REPLICA DI MATTEO SALVINI «Manderò al prete il testo della Legge sulla Sicurezza»

«Il sacerdote parla del ministro dell'interno che fomenta l'odio ed il razzismo - denuncia Vigni - è un sacredote di Dio o un onorevole, un attivista, un sindacalista? Può un semplice cristiano andare a messa solo per sentire la parola? Di politica, comizi ed altro ne sono piene le piazze; per questo sono uscito e mi sono risparmiato il resto della performance».

IL PRECEDENTE Quella volta che don Miglioranza se la prese con Marchionne

Don Claudio, ordinato sacerdote nel 1968, prete operaio da sempre con gli ultimi e per gli ultimi pare abbia colpito ancora. E Vigni non ha esitato a prendere carta e penna per fissare il suo pensiero a riguardo dell'accaduto e su don Claudio.
 
L'ACCUSA
«Credevo che la vecchiaia vaccinasse dall'astio ideologico e portasse saggezza - scrive Vigni - nel Vangelo di oggi si parla di Tiberio, Erode e di un tal Giovanni ma il prete durante l'omelia mi parla del ministro dell'interno che fomenta l'odio ed il razzismo. Non sento il seguito perché esco dalla chiesa che, per l'occasione, mi è parsa più casa del popolo. Alla fine del comizio, non certo omelia, rientro. Ma sentiamo tutta la settimana parlare di politica, adesso hanno messo all'ordine anche le chiese. Il povero cristiano non può scendere dal treno dell'immondizia neanche un'oretta la domenica. Il sacerdote dal pulpito parla di fomentatori d'odio ma lui cosa sta facendo? Visto il luogo e l'occasione qualcosa non torna. Trattasi di sacerdote Dei o di un onorevole, un attivista, un sindacalista? Lo so che don Claudio da giovane, quando lo ero anch'io, era solito ed abituato a simili miserie, ai comizi, ma pensavo che la vecchiaia lo avesse trasformato. Mi sbagliavo».

IL PARROCO
Don Claudio è un sacerdote molto conosciuto in tutta la Castellana. È sempre stato un prete di frontiera portando avanti la sua missione con coerenza è sempre dalla parte degli ultimi. Emigrato in Argentina nel 1970 è rientrato in Italia nel 1976 scrivendo anche un libro Memorie di realtà intraviste. In questi anni gli ultimi sono stati gli immigrati e così ha deciso di portarsi a casa alcuni dei ragazzi sbarcati in Italia e arrivati a Treviso. Nel luglio del 2015 non ha esitato ad affrontare l'amministrazione comunale di Castelfranco che voleva mandar via una decina di emigranti ospitati in una palestra in città. E poi nel febbraio del 2016 fece molto scalpore quando disse di essere favorevole al riconoscimento dei diritti non riconosciuti dalla legge italiana: si parlava di unioni civili e adozioni di coppie gay. E, nel gennaio di qualche anno fa, non ha esitato nemmeno a scagliarsi dal pulpito contro l'allora amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne accusato di «retrocessione dei diritti» dei lavoratori. E non poteva mancare la reprimenda contro Valentino Rossi accusato di evasione fiscale: «Non lasciatevi incantare dalla faccia da bravo ragazzo», aveva detto sempre dal pulpito.

Ultimo aggiornamento: 16:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA