Tragedia di Sofiya, «Uccisa altrove e gettata nel burrone in un sacco»

Tragedia di Sofiya, «Uccisa altrove
e gettata nel burrone in un sacco»
TREVISO - «Nulla di nulla» è la laconica risposta della legale  Chiara Rinaldi, che assiste la famiglia del 50enne trevigiano morto suicida a Cornuda, Pascal Daniel Albanese, su eventuali notizie relative al ritrovamento di un corpo di donna sfigurato in un dirupo del Monte Grappa.

L'uomo si era tolto la vita  il 26 novembre scorso dopo che aveva denunciato la scomparsa di Sofiya Melnyk, la 43 ucraina sua compagna, a cui, senza certezze, già si attribuisce la salma ritrovata. Per la certezza si è in attesa dell'autopsia sul corpo della donna, che sarà effettuata domani o giovedì dal medico legale Alberto Furlanetto, lo stesso che ha fatto l'esame autoptico su Albanese.

La salma martoriata dalle intemperie è stata trovata vestita, in posizione fetale e con vicino i resti di un sacco delle immondizie, probabilmente usato per il trasporto perché, per i carabinieri di Vicenza e Treviso che indagano sulla vicenda, è evidente che la donna è stata uccisa altrove. Il ritrovamento è stato fatto, la vigilia di Natale, da un gruppo di cacciatori dopo che le pendici del monte Grappa erano state perlustrate per giorni, anche con l'uso dell'elicottero, senza esito. Al setaccio è stato passato il versante trevigiano del Grappa, mentre il corpo è stato trovato nel vicentino, in una scarpata che si apre all'altezza del terzo tornante della ex strada militare Cadorna.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 26 Dicembre 2017, 12:12






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tragedia di Sofiya, «Uccisa altrove e gettata nel burrone in un sacco»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-12-26 15:47:06
Un' altra risorsa persa..poveri uomini!
2017-12-26 15:28:20
Una bella donna che purtroppo credeva di essere onnipotente perché bella...
2017-12-26 14:08:51
mi chiedo questi cercatori cosa speravano di trovare, ammesso e non concesso che l'avessero trovata. tempo e risorse sprecate. addirittura l'elicottero. ed ora che l'hanno trovata tempo e risorse sprecate per giudici, medici e poliziotti. quando si sa benissimo come è andata. ed anche se fosse andata diversamente niente cambia. oramai si è entrati in un ingranaggio tale che anche se uno si annega nel canale di sicilia assieme anche ad una ventina di suoi sventurati compagni bisogna fargli l'autopsia. perchè? per rilevare eventuali responsabilità, dicono. ma se poi una volta rilevate i responsabili non pagano la vogliamo capire che è tempo e soldi persi? oppure esiste qualcuno che con queste disgrazie ci vive legalmente?
2017-12-26 15:27:16
Coppertone il Semplicione.
2017-12-26 16:18:00
Ma di fronte a tragedie di due persone ti metti a fare i conti della serva?