Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Auto "normali" parcheggiate negli stalli delle ibride: a Treviso scatta l'ordinanza di divieto di sosta e rimozione coatta

Martedì 9 Agosto 2022 di Brando Fioravanzi
Colonnina di ricarica elettrica a Treviso, ora il Comune ha emanato l'ordinanza
1

TREVISO - A Treviso è caccia ai furbetti della sosta abusiva sugli stalli per la ricarica di veicoli elettrici o ibridi plug-in. Troppe le auto che ogni giorno sostano su questi parcheggi dedicati senza rispettare il corretto uso delle colonnine, impedendone così l'accesso agli altri automobilisti interessati. Una situazione disagevole che è anche ampliata dalla brutta abitudine di coloro che, pur non avendo a disposizione un'auto elettrica, decidono comunque di occuparne il posto per pura comodità e risparmio sul ticket di sosta. Un problema tenuto sotto stretta sorveglianza dalla polizia locale che per questo motivo da inizio anno ha già sanzionato 21 automobilisti e rimosso 10 veicoli con aggravio di spese per i loro proprietari, il tutto in accordo con la ditta Be Charge Srl (che ad oggi ha installato in città 37 infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici) che ogni volta ha temporaneamente dovuto interrompere l'afflusso di corrente alla colonnina interessata così da permettere l'intervento degli agenti in totale sicurezza.


LA STRETTA
Per ovviare al problema, Ca' Sugana ha emesso un'ordinanza specifica in materia che, tra le alte cose, prevede un divieto di sosta con rimozione coatta per i veicoli diversi da quelli che possono fruire del servizio. Sono stati istituiti i seguenti stalli di sosta riservati alle operazioni di ricarica per veicoli elettrici ed ibridi plug-in, con applicazione di tariffa di ricarica disincentivante, dalle ore 7 alle 23, nei confronti di quei veicoli che hanno terminato le operazioni di ricarica da oltre 60 minuti: 8 stalli (per ogni colonnina sono presenti 2 stalli di sosta dedicati) presso l'area parcheggio di Via Castello D'Amore, di Via Cavalleggeri e della Cittadella Sanitaria; 4 rispettivamente in zona Porta San Tomaso, nell'area parcheggio di Via Giorgione, in Via Riviera Santa Margherita, in Largo Porta Altinia, in Piazzale Duca D'Aosta, in Via San Liberale, in Via Monterumici, in Via Feruglio, oltre che nei parcheggi di Via Reginato via Federici e Via dei Da Prata; 2 colonnine bipresa in Via Nazario Sauro e 1 rispettivamente in Piazza San Pio X, Piazza Vittoria e Via Toniolo. Nella colonnina bipresa Fast in corrente continua di Via Capuzzo, invece, la tariffa maggiorata sarà applicata H24 a tutti i veicoli occupanti lo stallo oltre il necessario tempo di ricarica. Per chi sgarra scatta una sanzione da 41 euro (28 se pagati entro 5 giorni).


NUOVA SEGNALETICA
La segnaletica orizzontale e verticale sarà installata a cura e spese della ditta Be Charge Srl. «L'ordinanza è stata fortemente voluta dall'Ufficio Mobilità del Comune per garantire ai veicoli elettrici ed ibridi plug-in l'effettiva fruizione del servizio di ricarica e la disponibilità degli spazi ad esso destinati afferma Andrea Gallo, comandante della polizia locale La città è stata divisa in due grandi aree e l'obiettivo è quello di disincentivare l'uso di questa tipologia di stalli oltre i limiti previsti, soprattutto durante la notte. Per questo motivo da oggi si pagherà una tariffa anche dopo le ore 23 così da permettere a tutti, nel breve futuro, la fruizione».
 

Ultimo aggiornamento: 10:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci