Operaio spione: micro telecamera nel bagno aziendale delle donne

Giovedì 21 Settembre 2017 di Marco Aldighieri
43
ISTRANA - Si è chiuso il cerchio attorno all'operaio spione. Il 36enne, residente a Istrana (Treviso) e dipendente di una ditta di Piombino Dese (Padova), aveva installato nel bagno dell'azienda riservato alle donne una micro telecamera. L'occhio elettronico, posizionato sul contenitore dello scopino per pulire il water, ha immortalato il fondo schiena di almeno undici dipendenti. Tante sono le vittime dell'operaio Claudio Basso, abile nel registrate le immagini e nel salvarle in una chiavetta Usb e successivamente nel suo computer. 

Ma di questa sua passione alcuni mesi fa, se ne è accorta una donna mentre utilizzava la toilette della fabbrica. Quando si è apprestata a pulire il water, ha scoperto un filo sbucare dallo scopino. Lo ha tirato e si è ritrovata in mano la piccola telecamera. Impaurita, ha avvisato i vertici dell'azienda ed è stata presentata una denuncia. L'operaio è stato iscritto nel registro degli indagati per il reato di interferenze illecite nella vita privata. Rischia una pena da sei mesi a quattro anni di reclusione...
 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA