Mercoledì 9 Gennaio 2019, 10:50

Ucciso all'addio al celibato, quella donna che prese il coltello e lo lavò

PER APPROFONDIRE: igor ojovanu
Igor Ojovanu

di Denis Barea

VILLORBA - «Lei è andata in strada, ha raccolto un coltello, lo ha portato a casa e lo ha lavato prima di rimetterlo nel cassetto». A raccontare questi particolari inediti agli investigatori è la fidanzata di Florin Ionut Stingaciu, il 26enne romeno che si trova in carcere accusato dell'omicidio di Igor Ojovanu, il ragazzo di origine moldava freddato con una pugnalata alla schiena la sera del 28 settembre a Fontane di Villorba. La lei di cui parla la compagna di Stingaciu è la terza persona il cui nome, adesso, compare nelle carte dell'indagine coordinate dal sostituto procuratore Daniela Brunetti. Si tratterebbe di una donna che sarebbe stata presente all'interno dell'appartamento nel quale, poco prima del delitto, si trovavano il 26enne romeno e il 28enne albanese Rubin Xhika (anche lui come l'amico attualmente in custodia cautelare nel carcere di Santa Bona a Treviso).
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ucciso all'addio al celibato, quella donna che prese il coltello e lo lavò
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-09 11:58:51
Le risorse che ci fanno lavorare. Fanno lavorare gli investigatori, pm, giudici, giornalisti. E così, noi, lavorando, possiamo pagarci la pensione.