Elio e Maria, insieme dalle elementari, poi quelle nozze "clandestine" ancora minorenni... /Foto

Elio Gaggiato e Maria Barcariolo

di Monica Andolfatto

VENEZIA - «Ero giovane ma lavoravo da un po' e così il pranzo di nozze lo abbiamo fatto in un bel ristorante a Venezia, da Bacchetta vicino al Teatro della Fenice. Ho potuto permettermelo anche perché - sorride guardando complice la moglie - eravamo solo in quattro: noi due e i nostri testimoni». E lei? No, nessun abito bianco, nessuna foto del matrimonio: «Ci siamo sposati alle sei del mattino. Col buio. Perché ero incinta e le nozze non potevano essere celebrate alla luce del giorno. In chiesa a San Liberale di Marcon c'erano mia mamma, mia sorella, papà era morto durante la guerra, e i miei suoceri».



Correva l'anno 1948, il 15 aprile: giusto settant'anni fa. Allora probabilmente nessuno avrebbe scommesso su quella coppia non ancora maggiorenne secondo le regole dell'epoca: Elio Gaggiato, 19 anni, e Maria Barcariolo, 18. Oggi entrambi alla soglia dei novant'anni festeggiano le nozze di ferro: sono sempre stati insieme, lo sono ancora, a Villa Castalda di Gorgo al Monticano nella Marca, suggestiva dimora di metà Settecento, sede dell'omonima cantina. Tre figli, Fervido 70 anni, Maurizio 60 e Manlio 56. Tutti hanno lavorato nelle aziende vinicole di famiglia, seguendo la passione per il vino tramandata di generazione in generazione dal nonno paterno. Ne è passato di tempo da quando Elio e Maria si sono conosciuti alle elementari di Gaggio: lei arrivava da Barbona, nella bassa padovana, il padre a Marcon era castaldo nelle campagne dei nobili Calzavara. L'Italia era in pieno conflitto bellico, le strade bianche solcate dalle ruote dei carri trainati dai cavalli, la paura delle bombe...


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 15 Aprile 2018, 10:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Elio e Maria, insieme dalle elementari, poi quelle nozze "clandestine" ancora minorenni... /Foto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-04-15 19:10:58
credo che nel 48 non ce ne fossero molti che si potevano permettere l'abito bianco, la chiesa addobbata e un pranzo all'osteria con decine di invitati come li intendiamo oggi.
2018-04-16 12:51:51
Lo credo anch'io. Bei tempi quelli, meno bisogni e pi├╣ virt├╣.
2018-04-15 15:30:29
.....complimenti ai....gagliardi.....!
2018-04-15 13:31:03
Alla faccia di chi si ostina a dire che l'amore vero non esiste e che non ├Ę per sempre!
2018-04-15 16:32:01
C'├Ę chi non conoscendo il vero amore, quello per sempre, davanti a qualsiasi evidenza continua a sostenere che non esiste. E' la solita storia della volpe e l'uva.