L'ex sindaco no-vax: «Niente vaccini per le mie figlie, il Fascismo è tornato»

PER APPROFONDIRE: loris mazzorato, no-vax, vaccini
Loris Mazzorato
RESANA - La figlia più grande, 7 anni da compiere e nessun vaccino fatto, l'ha portata a scuola regolarmente, rischiando la sanzione; quella più piccola, appena 2 anni, all'asilo non viene mandata per scelta («economica»), «ma in ogni caso non ci andrebbe, perché non deve subire alcuna vaccinazione». Loris Mazzorato, ex sindaco di Resana (Treviso), ex leghista, ha convinzioni granitiche. E ritiene inutili i vaccini, e dannosi, «perché non esiste nessuna emergenza».

Vaccini, da oggi a scuola solo con il certificato

CHI E' MAZZORATO
Mazzorato è uno che non si tira mai indietro. Dalla Lega l'hanno espulso perché quand'era sindaco (unico caso in Italia) aveva abolito la Tasi nel suo comune. E non era cresciuto in popolarità agli occhi del partito nemmeno quando partecipò ad una messa in suffragio di Erich Priebke, o sfilò in mutande a fianco dei risparmiatori traditi dalle banche.

Vaccinato il 95% dei bimbi, oggi ultimo giorno. Grillo: «Niente scuola senza copertura»

OGGI ULTIMO GIORNO PER VACCINARE LE FIGLIE
Oggi per Loris Mazzorato e la moglie era il temuto D-Day: il primo giorno in cui, in base al decreto Lorenzin, i bambini entrano all'asilo solo se hanno i certificati di vaccinazione in regola, mentre a quelli dai 6 ai 16 anni l'ingresso in classe non è vietato, ma le famiglie dovranno pagare le sanzioni. «La figlia più piccola - conferma Mazzorato - all'asilo non ci va comunque, non ce lo possiamo permettere. La più grande l'ho portata a scuola come tutti gli altri altri giorni. Se sanno che non è vaccinata? In teoria non dovrebbero saperlo, sono dati coperti dalla privacy. Ma credo sappiano le maestre come la pensiamo».


«LA MULTA? SE ARRIVA FARO' RICORSO O FARO' STUDIARE LE MIE FIGLIE A CASA»
E quando arriverà a casa la multa? «Me le facciano pure le sanzioni - risponde - io farò ricorso». L'ex sindaco trevigiano si dice pronto a far studiare a casa le figlie. «È un'ingiustizia - afferma - perchè lo Stato dovrebbe garantite questo servizio a tutti, ma sono pronto a pagare di tasca mia l'homeschooling, o un istituto privato, pur di non iniettare niente alle mie bambine». Mazzorato non crede nemmeno alle "storie" dei rischi cui i bimbi non vaccinati esporrebbero i compagni immunodepressi: «ma quelle dei bambini con Hiv, o con l'epatite B, il cui diritto allo studio è tutelato dalla legge - chiede l'uomo - sono situazioni diverse? Non vale lo stesso per gli alunni non vaccinati?».

QUEL POST SU FACEBOOK: IL FASCISMO E' TORNATO
Il suo giudizio sul decreto Lorenzin, contro il quale ha presentato a suo tempo un esposto in Procura, il papà no-vax l'ha scritto ieri sera in un post su Facebook: «il fascismo è tornato, domani 10 marzo 2019 lo applicano sui bambini, questa è una data che non potremo dimenticare». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 11 Marzo 2019, 15:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'ex sindaco no-vax: «Niente vaccini per le mie figlie, il Fascismo è tornato»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 56 commenti presenti
2019-03-12 19:50:09
Spero non si ammalino!
2019-03-13 09:03:17
Beh, intanto quelli vaccinati non hanno nulla da temere. Giusto?
2019-03-12 18:21:54
Per me ha fatto bene ed ha ragione! Quello che Lorenzin ha messo in atto si chiama accanimento e di terapeutico ha niente visto l'ultima vittima!!! Qualsiasi legge non può mettersi contro la persona obbligandola a vaccinarsi, specialmente se non c'è malattia circolante. Allora ci vacciniamo anche contro la peste o la febbre gialla? Si veda di agire con cervello e non con altre parti del corpo! Lo multano? Li può denunciare proprio per "accanimento terapeutico" e farsi risarcire
2019-03-12 17:29:33
Tenete bene in testa questi due capisaldi: - l'individualismo non deve prevalere sul bene comune. - Non esistono trame oscure. L'Agenzia italiana del farmaco ha pubblicato che: ogni anno in Italia la spesa farmaceutica vale la bellezza di 28,9 miliardi di euro Ogni anno in Italia la spesa per vaccini (pediatrici + influenzale + professionali) vale poco meno di 318 milioni di euro, cioè l'1,4%. Ditemi voi dove sarebbe sto enorme business che farebbe tramare chissà quali trame oscure per sovra-vaccinare la popolazione. La verità è che le vaccinazioni servono e funzionano. Statisticamente funzionano meglio di qualsiasi altra cosa nella prevenzione. E se anche ci fosse una controindicazione 1 su un milione. Il bene della collettività, intesa come somma di molte individualità supera il bene dell'individuo singolo. Insomma: bisogna vaccinarsi e basta.
2019-03-12 12:05:00
Esiste anche la scuola dell'obbligo, ma nessuno dichiara che per questo il fascismo è tornato, siamo in democrazia e ognuno è libero pensarla come vuole, può anche far benedire i propri figli dal mago Otelma, ma le leggi vanno rispettate, oppure il mondo è tanto vasto che sicuramente ci sarà un paese dove non si vaccinano le persone, basta scegliere e essere coerenti.