Torna dal lavoro, si stende per riposare e muore d'infarto a 31 anni

Alessandro Marco Zanin

di Paola Treppo

GAIARINE e PRATA DI PORDENONE - Muore nel sonno a 31 anni nella sua casa di Calderano di Gaiarine Alessandro Marco Zanin un giovane originario di Prata di Pordenone che da poco si era trasferito a Calderano.

A dare l'allarme sono stati i parenti e la equipe medica è arrivata tempestivamente, a sirene, nella speranza di riuscire a rianimarlo. Ma per Ale, come lo chiamavano tutti gli amici, distrutti dal dolore, ormai non c'era più nulla da fare se non constatare il decesso e informare il magistrato di turno della procura. 

A stroncare la vita di questo di Alessandro è stato con ogni probabilità un infarto ma solo un esame autoptico potrà fare chiarezza sulle cause della morte; ottenuto il nulla osta da parte del pm, la salma è stata rimossa e composta nell'obitorio dell'ospedale di Vittorio Veneto.



L'allarme è scattato nel primo pomeriggio di ieri, venerdì 29 giugno, intorno alle 15. Il 31enne si era steso un attimo per riposare dopo aver terminato il suo turno di lavoro.

Lutto a Prata, il paese di origine di Alessandro, e tantissimi i messaggi sulla sua bacheca di Facebook da parte dei suoi amici che lo ricordano, tra le lacrime, con un giovane buono e generoso. Pare che il ragazzo non avesse mai sofferto di patologie particolari. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 30 Giugno 2018, 12:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Torna dal lavoro, si stende per riposare e muore d'infarto a 31 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-07-01 22:24:42
Non conoscevo lo sfortunato giovane, ma invio egualmente le mie più sentite condoglianze. Non si può rimanere indiffetenti di fronte a tali improvvise disgrazie!
2018-07-01 10:36:08
Più che sui turni di lavoro, io indagherei su quello che respiriamo...
2018-07-01 11:00:02
Risposta esatta...........
2018-07-01 07:46:26
il lavoro uccide.
2018-06-30 15:12:32
no non e come dici tu