Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Movida molesta: insulti e minacce ai clienti, in 4 allontanati dai bar

Mercoledì 20 Luglio 2022 di Valeria Lipparini
Movida a Treviso, in 4 allontanati dal bar

TREVISO - Hanno disturbato, molestato, preso di mira i clienti dei locali della movida trevigiana. Hanno creato il caos con il loro atteggiamento sopra le righe, causato dai tanti bicchieri di vino bevuto, oppure da una condizione di instabilità pregressa. Senza sfociare in risse, pestaggi, o alterchi violenti. Di fatto, però, hanno destato allarme.
Tanto che quattro soggetti sono stati sottoposti ad altrettanti Daspo Willy e non potranno più avvicinarsi a bar, risto-bar, pub o affini per almeno un anno. È questo il provvedimento emesso dalla questura, in particolare dalla Divisione Anticrimine, dopo le segnalazioni che giungono all'Ufficio di Prevenzione Generale e alle stazioni dell'Arma dei Carabinieri della Provincia. Tutte le segnalazioni sono relative a questi ultimi giorni. Tre giorni fa, ad esempio, in un locale nei pressi di via Michelangelo, nel quartiere di Sant'Angelo, alle 23, un ventenne trevigiano è stato avvicinato da un 40enne straniero che ha cominciato a minacciarlo. Il ragazzo e i suoi amici hanno preso paura, tanto da chiamare la polizia in soccorso. L'uomo è stato allontanato e segnalato. Poi, ieri, il questore ha emesso il Daspo e quel 40enne dovrà stare lontano dal locale per un anno intero.


GLI ALTRI CASI

Altro caso, invece, riguarda un 50enne italiano e residente in centro città che non potrà entrare in ben dieci locali pubblici del centro. L'uomo, già conosciuto alle forze dell'ordine, ha l'abitudine di alzare il gomito e di entrare e uscire dai bar. Prima uno, poi un secondo e un terzo. E poi, ancora un quarto e un quinto. Una specie di pellegrinaggio tra bar, osterie, locali pubblici. Un percorso routinario che, adesso, non potrà più fare.
Perchè la Questura ha messo un freno. Non potrà più bere e infastidire gli avventori semplicemente perchè non potrà più frequentare dieci locali dove era solito, invece, andare. È arrivato il Daspo. Non potrà frequentare nessuno dei dieci locali della movida cittadina per un anno.


VIOLENZA DOMESTICA
Non ci sono soltanto avventori molesti protagonisti in negativo delle notti trevigiane. Purtroppo, la Polizia registra anche quotidiane storie di maltrattamenti in famiglia. In questo campo gli agenti della Polizia hanno notificato un ammonimento per atti persecutori a un uomo che si è reso responsabile di stalking nei confronti dell'ex fidanzata. Un altro ammonimento è stato notificato a un cingalese che aveva picchiato la moglie, procurandole vistose ferite. La donna si è recata al pronto soccorso del Ca' Foncello, dove i medici l'hanno medicata e poi l'hanno rinviata a casa con una prognosi di guarigione. Quanto è bastato perchè il marito manesco venisse denunciato per violenza domestica. Tra le varie attività portate a termine dalla Polizia c'è anche il controllo di un soggetto originario del viterbese, ma residente a Treviso, sorpreso dai Carabinieri a Morgano con vari tipi di stupefacente destinati allo spaccio. All'uomo è stato fatto divieto di ritorno nel Comune di Morgano.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci