Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Addio a Raimondo Tauro, storico fondatore della Meeting e primo azzurro del salto in alto a superare i 2 metri

Lunedì 1 Agosto 2022 di Brando Fioravanzi
Raimondo Tauro

TREVISO - Sono ore di lutto quelle che sta vivendo oggi l'intera comunità trevigiana, scossa per l'improvvisa scomparsa di Raimondo Tauro, storico imprenditore e primo atleta azzurro del salto in alto a superare i 2 metri nel 1960 usufruendo ancora dello stile ventrale.

A portarlo via alla vita a 80 anni (ne avrebbe compiti 81 tra un mese), nella nottata di lunedì all'ospedale Ca' Foncello di Treviso, una malattia contro cui combatteva da tempo. Nativo di Rovigno (oggi Croazia), era emigrato a Treviso a soli due anni con la famiglia, città che poi lo ha visto crescere sia sportivamente con la G.A. Treviso che professionalmente quando nel 1967 ha fondato la Meeting Group Spa insieme all’amico e designer industriale Renato Vendramel. Per decenni alle redini della società, a lungo leader nel settore dello sportswear italiano (anche con il marchio Deha rivolto alla danza), Tauro viene oggi ricordato come uno dei personaggi principali della Treviso del passato, sempre pronto ad animare i locali del centro così come il tifo rugbista prima per la Metalcrom e poi per il Benettton. Lascia nel dolore la moglie Gloria sposata solo lo scorso mese di aprile, le tre figlie, i sette nipoti e tanti amici.

Raimondo Tauro durante una gara di salto in alto

Ultimo aggiornamento: 13:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci