La partita di rugby nel nome di Salvatore: «Hai passato la palla ma sarai sempre con noi»

Lunedì 21 Novembre 2022 di Alfredo Baggio
Il saluto dei capitani alla famiglia di Salvatore Stefani

MOGLIANO - Ottanta minuti di vero sport per ricordare Salvatore Stefani, il pilone 19enne del Rugby Feltre deceduto il 16 novembre in un incidente mentre andava a lavoro. Una scelta a lungo ponderata quella di giocare comunque la partita di serie B di ieri contro il Mogliano Rugby, nella quale avrebbe anche dovuto giocare Salvatore, presa con la volontà di onorare la memoria del giovane, sportivo appassionatissimo. Prima dell’inizio dell’incontro i giocatori si sono schierati, come pronti ad intonare un inno, che in questo caso è stato il silenzio più assoluto, trattenendo le emozioni nel ricordo dell’amatissimo compagno di squadra. Un momento dedicato alla famiglia Stefani, stretta a bordo campo in un abbraccio consolatorio, che in seguito riceve in regalo un piccolo ulivo. Un simbolo di rigenerazione e di amore, che rappresenta la vicinanza dell’intera squadra del Rugby Feltre alla famiglia di Salvatore. Poi le parole del capitano ai giocatori, ma soprattutto amici, che ancora non riescono a credere alla tragedia che li ha colpiti.

 GRIDO CORALE

«Non c’è niente da dire bisogna solo entrare in campo e dare il massimo». Un grido corale, ripetuto, con forza e coraggio, per fronteggiare il destino tanto ingiusto e crudele: «Non c’è domani!». E dunque il fischio d’inizio. Sono più di un centinaio i presenti, assiepati a bordo campo, mentre osservano ammirati la passione che i ragazzi mettono nel gioco, nonostante il dolore e la fatica. In prima linea i genitori di Salvatore con sguardo fisso sul campo. «Non c’è nulla da dire - commenta mamma Elisabetta - tutto quello che si poteva dire è stato detto. Ora rimane solamente il silenzio». Immaginano forse il figlio a giocare anche lui tra i compagni, colonna portante del team. Ma lui in campo c’è per davvero, nel cuore dei compagni di squadra, che pensano a lui mentre corrono in cerca della meta. «Pensa a Salvatore!» grida anche l’allenatore nel momento in cui la squadra rischia di prendere una meta. E così la palla ovale viene calciata lontano, evitando il punto avversario. La partita si svolge al cardiopalma, con un’imposizione decisa del Feltre nel principio, recuperata poco alla volta dal Mogliano che va a conquistare la vittoria per un soffio, con un 27 a 26. Ma non è certo la vittoria a contare in questo caso, quanto invece l’enorme spirito di squadra che caratterizza una grande disciplina sportiva come il rugby, giocata da persone che, prima di essere grandi sportivi, sono grandi esseri umani. Proprio come Salvatore “Totò” Stefani, così lo soprannominavano i compagni di team.

IL RICORDO

Il grande gigante gentile, benvoluto da tutti per il suo carattere buono e disponibile, ma anche per la sua forza in campo, giovane promessa della scena bellunese. «Sai Totò, - si può leggere nel post di Facebook che il Rugby Feltre ha dedicato al ragazzo - hanno scritto in tanti, tantissimi, pensa quanto hai dato, se così tante persone ti hanno pensato e ti stanno pensando. Hai passato la palla, ma sarai sempre con noi, non ti dimenticheremo.». Alla fine della partita, messo in secondo piano il risultato agonistico, la famiglia si è avvicinata per ricevere un abbraccio da tutta la squadra del Feltre e scambiare qualche parola di vicinanza anche con i ragazzi, che vivono il lutto quasi fossero dei membri della famiglia. Nel silenzio, rotto solamente dalle grida allegre dei bambini, tutti i presenti sono usciti dal campo, qualcuno verso lo spogliatoio e qualcuno verso l’auto, ma tutti pensando a Salvatore, che ora stringe la palla ovale in cielo. (ab) 

Ultimo aggiornamento: 07:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci