Perde due milioni di euro e tenta il suicidio nella sede di Veneto Banca

Perde due milioni di euro e tenta il suicidio nella sede di Veneto Banca
MONTEBELLUNA - Momenti di tensione, questa mattina, 26 giugno, alla sede di Veneto Banca di Montebelluna. Una persona ha minacciato il suicidio: immediato l'intervento dei carabinieri, che si sono portati sul posto assieme all'ambulanza. La persona, correntista che avrebbe perso due milioni di euro, è stata soccorsa e portata all'ospedale.

Sono attivi alcuni numeri verdi a cui chiunque può rivolgersi per avere supporto e aiuto psicologico:
Telefono Amico 199.284.284
Telefono Azzurro 1.96.96
Progetto InOltre 800.334.343
De Leo Fund 800.168.768
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 26 Giugno 2017, 12:47






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Perde due milioni di euro e tenta il suicidio nella sede di Veneto Banca
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2017-06-28 11:01:17
la gente e' ingorda, vuole sempre di piu,
2017-06-28 13:20:04
Mentre le banche sono organizzazioni di beneficienza per il bene comunue, vero?
2017-06-27 22:32:05
Con questo tipo di banche è facile fidarsi del direttore, dell'impiegato perchè abitano nello stesso paese, sono conosciuti, e magari quando frequenti le scuole elementari ti regalano il porcellino per metterci dentro i soldi che ti regalano i familiari, e quando diventi maggiorenne, apri il tuo primo conto corrente o libretto di deposito... ed è facile affidarsi a persone del territorio e vivere disavventure come queste..
2017-06-27 09:01:39
Ma perchè sto tizio ha investito tutti i suoi soldi in azioni che si sa hanno un valore fluttuante . All'inizio della crisi, anni 2009 con tutti i fallimenti in giro questo signore avrebbe dovuto vendere le azioni
2017-06-27 07:56:58
occorre distinguere tra chi ha investito consapevolmente per speculare e chi è stato costretto percheè sennò non gli davano il mutuo. nel primo caso si tratta di capitale di rischio, alla meglio se la prenderà con chi glielo ha consigliato ma nulla a pretendere, almeno dal punto di vista giuridico. nel secondo caso ci sono profili di truffa. Certo è che se le cose andavano bene nesuno avrebbe fatto causa al direttore di banca dicendogli: 2mi hai fatto guadagnare troppo, il mio profilo di rischio era basso e non volevo rendimenti così alti..."