Turismo, la nuova frontiera è il Metaverso. Lo studio del master Ca' Foscari di Treviso

Sabato 19 Novembre 2022 di Brando Fioravanzi
Master a Ca' Foscari, la nuova frontiera del turismo

TREVISO - Neuromarketing e turismo nel Metaverso: sono le due nuove frontiere di un settore in continua evoluzione, soprattutto dopo la pandemia. Ma le possibilità di sviluppo sono infinite, e lo sanno bene gli studenti del master in economia e gestione del turismo di Ca' Foscari: ieri, 18 novembre, la celebrazione per gli ultimi 15 diplomati, che si aggiungono agli oltre 800 che hanno concluso il percorso di studio negli ultimi trent'anni.

Il percorso

Nato nel 1993 con lo scopo di offrire una formazione manageriale di alto livello nel turismo, oggi il Master cafoscarino è diventato uno dei più apprezzati e ambiti del settore proprrio perchè visto come trampolino di lancio verso carriere professionalizzanti nell'ospitalità, nell'intermediazione, negli eventi, nella promozione culturale e territoriale, nelle consulenze e nei trasporti. Ambiti che oggi, nonostante una evidente crisi del settore post Covid, portano comunque gli studenti di Cà Foscari a registrare un'occupazione record dato che il 75% di loro è già stato assunto ancora prima della fine dello stage curriculare.

La ripresa

«Le recenti previsioni dell'Organizzazione Mondiale per il Turismo stimano una ripresa del turismo che nel 2024 tornerà ai livelli record pre-Covid del 2019, ma indicano anche che in futuro sarà tutto diverso. Per essere all'altezza delle nuove esigenze del mercato verranno richiesti innovazione, nuovi approcci e competenze professionali - sottolinea il presidente del Ciset e direttore del Master Michele Temma - Grazie al nostro corpo docente i ragazzi potranno quindi presentarsi preparati all'appuntamento con tutte le variabili di un settore sempre più fondamentale dal punto di vista socio-economico, pronti a iniziare un percorso di carriera in un contesto lavorativo rinnovato ed in fermento. Per questo oggi come università puntiamo molto sul digitale, sulla sostenibilità e, soprattutto, sul capitale umano».

Il mercato del lavoro

Nel dettaglio, dopo sei mesi di lezioni in aula gli studenti hanno sperimentato i tanti aspetti che compongono la galassia turistica con un lungo stage. E proprio durante questo periodo per molti il tirocinio si è trasformato in un'assunzione, una caratteristica storica per il Master che ancora oggi continua a registrare percentuali di occupazione che superano il 90% a 6 mesi dal termine degli studi. Provenienti da Veneto, Sicilia, Lombardia, Toscana, Friuli Venezia-Giulia ed Emilia-Romagna, quest'anno i ragazzi sono tornati in presenza sui banchi di scuola per affinare le loro capacità di lavorare in team sperimentando le dinamiche che si creano normalmente nel mondo del lavoro. Le molteplici sfaccettature del turismo dei giorni d'oggi sono difatti rappresentate anche dai settori in cui i masterini si sono misurati durante lo stage: dall'hospitality all'organizzazione degli eventi, dal turismo congressuale alle attività outdoor. Gli studenti hanno così appreso competenze utili nei settori del marketing, del revenue management, delle operations e dell'organizzazione turistica. Presenti ieri alla tradizionale cerimonia di consegna dei diplomi anche Stefano Soriani quale direttore del Centro interdipartimentale SELISI dell'Università Ca' Foscari Venezia, Renata Scalia e Valentina Tiengo in qualità di ex masterine di successo oggi in WMR Group ed il sindaco di Treviso Mario Conte. «Questo Master dimostra come sia necessario esaltare le professionalità di questi ragazzi, non solo nel privato ma anche nel pubblico - afferma il primo cittadino trevigiano - Non possiamo infatti permetterci di trascurare un settore come quello del turismo che genera ricchezza in tutto il territorio. Serve quindi un ricambio culturale, in primis nei sindaci, volto a dare spazio a giovani qualificati e motivati».
 

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci