​«Sei bravo? Ti aumento lo stipendio». Ma poche risposte alle offerte di lavoro

Martedì 25 Gennaio 2022 di Elena Filini
«Sei bravo? Ti aumento lo stipendio». Ma poche risposte alle offerte di lavoro

TREVISO - Lo stipendio meritocratico. Non è un paradosso ma la proposta di un noto salone in città. Sei bravo? Ti aumento lo stipendio. Hai un portfolio di clienti? Ulteriore aumento. Valentina Stefani non ha dubbi. «Nella mia vita la meritocrazia ha orientato la mia crescita professionale. Io oggi voglio restituire questo modo di concepire il lavoro. Il problema semmai è trovare dipendenti: alle offerte di lavoro in pratica non risponde nessuno». Studio 11 abita una Torre del 1200 proprio di fronte all'ingresso artisti del teatro comunale. Uno spazio che ha spostato una filosofia innovativa: oltre al salone per i capelli ci sono un bar, un negozio e una sala yoga. In quest'accezione il negozio è attivo dal 2016 e mette insieme le passioni di Fausto Niero, conosciuto coiffeur trevigiano e della compagna Valentina Stefani.


L'IDEA

«Abbiamo cercato di inserire anche la pratica della meditazione in un contesto più occidentale» prosegue Valentina, che si occupa del negozio e della sala. Al primo piano il core business del luogo, il salone di coiffeur. «Fausto, il mio compagno, cerca da tempo personale. Noi crediamo che lo stipendio base di categoria (i parrucchieri sono inquadrati tra gli artigiani) non possa essere una molla importante per accettare un nuovo lavoro. Se si presenta personale competente, preparato che abbia un proprio pacchetto di clienti si sale subito dai 900 di base ai 1500 netti». La cosa sorprendente è che alle offerte di lavoro non seguano mai richieste o telefonate d'interesse. «Siamo sempre in emergenza perchè manca il personale: curioso che neppure parrucchieri da altri saloni chiamino anche solo per curiosità o per comparare le proprie condizioni lavorative con quelle che potremmo offrire noi». Valentina e Fausto non sanno dare una spiegazione razionale al fenomeno. «Non abbiamo ricevuto neppure telefonate, qualche whatsapp in cui le persone non si presentano neppure, chiedono solo indicazioni varie sul luogo spesso neanche usando la punteggiatura».


L'OBIETTIVO

Eppure, per trasformare il progetto d'azienda servirebbero collaboratori fidati. «Fausto ha il salone al primo piano da sedici anni. Poi, nel 2016, si è creata l'occasione per acquisire anche il piano terra ed inaugurare un bar shop particolare. Abbiamo clienti fissi per il salone e per lo yoga, mentre in negozio arrivano spesso persone da fuori città o turisti, affascinati e incuriositi dalla particolarità del luogo».
Studio 11 ha sposato una filosofia a mezza via tra bellezza e benessere. O forse sta proprio cercando di saldare questi due canoni in una sola attitudine. «Cerchiamo persone che abbiano questa visione: io ho sempre lavorato in negozio, via via con responsabilità sempre maggiori. E devo dire che alla crescita professionale è sempre corrisposta una crescita di stipendio. Per questo il mio sogno sarebbe di poter pagare molto i dipendenti, perchè la tranquillità economica genera equilibrio e libera meglio l'energia e la positività».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci