Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ferma nello stesso park per 40 anni: «Restauratore cercasi per la vecchia Lancia Fulvia»

Venerdì 17 Dicembre 2021 di Pio Dal Cin
La Lancia Fulvia parcheggiata in via Zamboni
4

CONEGLIANO - Doccia fredda sulla Lancia Fulvia diventata ormai un’icona e un simbolo della città del Cima. La ditta che si era presa a cuore l’onere del suo restauro completo ha fatto un passo indietro e senza dare spiegazioni in merito ha dato forfait. Un colpo basso per coloro che da giorni aspettavano trepidanti il ritorno della leggendaria auto d’epoca, divenuta famosa in tutto il mondo per essere rimasta ferma nello stesso parcheggio di via Zamboni per oltre quarant’anni. Tutto lasciava pensare che per Natale potesse essere restituita all’anziana coppia, Angelo Fregolent e la moglie Bertilla, regalandogli così quello che era diventato il loro sogno: rivederla splendente con una nuova verniciatura ed essere infine collocata nel giardino di proprietà dell’Istituto Cerletti.

LO STOP
«Per noi - aveva detto Bertilla- La Lancia è diventata negli anni un oggetto simbolo del nostro matrimonio e della nostra relazione che dura da quasi 60 anni. L’anno prossimo celebreremo questo importante traguardo e sarebbe bello vederla esposta là dove una volta c’era il pioppo secolare. Chi di noi due sopravviverà all’altro potrà guardarla dalla finestra e pensare alla persona amata. Può sembrare assurdo ma anche un’auto può legare le persone in una maniera impensabile» Il dietrofront dell’impresa che si era assunta il compito del restauro non trova spiegazioni se non negli alti costi nel riportare in vita un’auto che è stata immatricolata nel 1970, quando la Lancia era considerata un modello di lusso, all’avanguardia per i tempi.
LA MOSSA
Non tutte le speranze sembrano però svanite. Il comandante della polizia locale, Claudio Mallamace, incaricato da Angelo e Bertilla a seguire le vicende burocratiche e pratiche della Lancia afferma: «A questo punto non resta che lanciare un appello a imprenditori locali e persone di buona volontà per accollarsi il costo di un restauro che definirei “conservativo”. Non è certo necessario che l’auto torni a sfrecciare per le strade della Marca: per quello ci vorrebbero forse circa 40mila euro. Basterebbe farle fare un “maquillage” esterno, in modo da restituirle la primitiva bellezza. L’auto posizionata grazie all’intervento della Provincia nel sito scelto all’interno dell’Istituto Cerletti, con l’approvazione della preside Mariagrazia Morgan è lo scopo finale dell’operazione che si potrebbe valutare in 10mila euro. Basterebbero dieci imprenditori con mille euro ciascuno ed il gioco sarebbe fatto - conclude il comandante- Sarebbe veramente un bellissimo regalo di Natale per queste due persone anziane». E sarebbe anche un bel regalo per la città: tanti cittadini, per i quali è sempre stata un punto di riferimento, hanno espresso il desiderio di vederla trasformata in un oggetto museale da conservare come un simbolo della città del Cima.

Ultimo aggiornamento: 08:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci