Domenica 1 Dicembre 2019, 12:18

​Morta a Capo Verde. «La minacciava, le avevamo detto di denunciarlo»

Morta a Capo Verde. «La minacciava, le avevamo detto di denunciarlo»
TREVISO - Marilena Corrò aveva messo una catena sulla porta della sua stanza. «Gianfranco mi minaccia: ho paura che mi ammazzi» aveva confidato ad alcuni amici, che ben sapevano di cosa fosse capace il 48enne e che le avevano consigliato di denunciarlo. «Lui era un violento, e le avevamo detto di rivolgersi alla polizia - racconta Fabio, un amico della 52enne trevigiana uccisa martedì scorso nel suo bed & breakfast di Sal Rei, nell'isola di Boa Vista, a Capo Verde - ma lei non lo aveva ancora fatto, forse per timore che davvero le facesse del male».
 
 

La polizia d'altronde aveva avvertito Gianfranco Coppola, l'ex insegnante di kick boxing, da 10 anni trasferitosi a Capo Verde, che al prossimo sgarro sarebbe finito dentro, di nuovo. Era conosciuto in tutta l'isola per quanto fosse violento e aggressivo, ed era stato protagonista di almeno due gravi aggressioni. E alla fine l'ha uccisa. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
​Morta a Capo Verde. «La minacciava, le avevamo detto di denunciarlo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-12-01 15:51:25
Come succede spesso in questi casi, improvvisamente vengono fuori a dire la loro famigliari, amici, conoscenti, vicini di casa. Prima invece se ne stavano zitti zitti.
2019-12-01 19:32:10
Il primo e' stato il figlio a dichiarare che l'assassino era un violento,quindi se lo sapeva il figlio lo sapeva anche la madre. Ma che dovevano fare trattenerla a forza per impedirle di andare a Capoverde?
2019-12-01 12:39:51
Dite quello che volete ma se fosse rimasta a Treviso coi suoi figli a quest'ora sarebbe viva e vegeta. E' proprio vero: "la vera causa dell'infelicità degli uomini è una sola: non sapersene stare tranquilli in una stanza (cit.)"
2019-12-01 14:54:40
Che commento insulso. Magari se restava in casa le cadeva il soffitto in testa. Cioè colpevolizzi la vittima invece del carnefice. Assurdo!
2019-12-01 15:59:15
Assolutamente il carnefice e' dicuramente da condannare ma il soggetto l'hai visto che brutto ceffo che e? Tu entreresti mai in affare von un farabutto simile? Ergo trai le tue conclusioni e dimm se ti sembra opportuno lasciare Treviso e 2 figli (di cui una minorenne) per andare a Capoverde per fare una nuova vita. Poi ognuno fa quello che vuole certo.