Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'influencer Alice De Bortoli si racconta tra esame di maturità, passioni e futuro: «Sono una studentessa ansiosa, voglio essere sempre preparata»

Mercoledì 22 Giugno 2022 di Lucia Russo
Alice De Bortoli mentre si prepara per il suo esame di maturità

TREVISO - Alice De Bortoli, l'influencer 18enne trevigiana più amata d'Italia, oggi affronterà la prima prova d'esame di maturità nell'istituto trevigiano dove frequenta il Liceo delle scienze umane indirizzo economico sociale. In quest'intervista si racconta a 360 gradi parlando delle ansie e delle preoccupazioni per questo importante traguardo e da' dei consigli ai suoi coetanei.

Oggi la prima prova, come si è preparata a questo momento?
La prima prova era quella che mi lasciava più tranquilla, amo studiare italiano, approfondire la letteratura, di conseguenza è stato più semplice prepararmi. Durante l’anno, ho studiato con attenzione gli autori e le opere, creando dei riassunti che poi in questi giorni ho rivisto con attenzione assieme ai brani presenti nel programma. Riprendere questo studio è stato molto interessante. 

Che tipo di studentessa è?
Sono generalmente una studentessa ansiosa. Voglio sempre essere preparata e dimostrare di impegnarmi in ciò faccio. Amo scrivere, per cui tutta la mia carriera scolastica è stata costellata da migliaia di fogli e post-it con i miei schemi. 

Come ha fatto a conciliare il lavoro da influencer, le passioni e lo studio?
Ammetto che è stato molto difficile. Frequentare un liceo statale richiede tanto impegno e concentrazione. Il carico di lavoro è molto alto e sommato agli impegni lavorativi è stata una vera e propria sfida. Tuttavia mi ritengo fortunata, perché oltre ad aver imparato bene ad organizzarmi, ho avuto accanto sempre la mia famiglia a spronarmi e farmi capire quanto fosse importante impegnarmi al cento per cento in quello in cui credo. La mia passione principale è proprio lo sport, che ho sempre considerato un motore per motivarmi ed effettivamente mi ha aiutato in molteplici situazioni. 

Cosa si prova a rientrare a scuola sapendo di dover sostenere il primo importante esame in ambito scolastico?
Sono agitata e allo stesso tempo emozionata. In questi giorni sono pervasa da un turbine di sensazioni, perché questo esame è il primo passo di tutte le sfide che affronterò da adulta ed è arrivato così velocemente che forse devo ancora capire bene come mi sento. 

Quali sono le aspettative?
Cerco sempre di affrontare ogni situazione senza pormi delle vere e proprie aspettative, però, dentro di me, spero che andrà tutto per il meglio. Lo studio per me è sempre stato davvero molto importante e vorrei che anche i miei professori siano fieri di me. 

Qualche gesto scaramantico per allontanare ansie e preoccupazioni?
Sicuramente parlare con i miei amici, che come me stanno affrontando questo passo importante. A volte bastano poche parole e pochi gesti per allontanare l’ansia. 

Qual è il momento che più la preoccupa di questa maturità?
Sicuramente l’orale. Non so bene che cosa aspettarmi e ho paura, come molti studenti, che l’ansia prenda il sopravvento. Tuttavia, so che davanti a me ci saranno i miei professori, alcuni dei quali mi conoscono sin dalla prima, per cui so di poter stare tranquilla. 

Cosa significa per lei diventare matura? 
Questa è una parola che è molto difficile da spiegare per me. Penso che essere matura voglia dire diventare consapevole delle mie potenzialità e dei miei limiti, imparare ad affrontare le sfide quotidiane con coraggio e intraprendere il mio cammino da adulta. 

Cosa le rimarrà maggiormente di questi 5 anni di superiori?
Molte cose, in realtà. Gli amici, lo studio intenso, le esperienze vissute, e, allo stesso tempo la fatica e i sacrifici.. perché mi hanno fatto diventare ciò che sono. 

Cosa le mancherà di più?
Mi mancherà sicuramente Il suono della campanella per l’inizio delle lezioni, i compagni di tutti i giorni con cui a volte si fa un po’ fatica ad andare d’accordo ma che in fondo vivono con te tutta la realtà della classe. In generale, tutte le piccole cose che caratterizzano le nostre abitudini scolastiche quotidiane. 

Quale consiglio si sente di dare agli altri studenti che come lei stanno vivendo questo momento?
Vorrei dire a tutti si stare tranquilli, di mettercela tutta e di credere in se stessi, perché anche se pensiamo di non farcela abbiamo dentro di noi una forza immensa. 

Guardiamo oltre. Alice "maturata", e poi?
Ho scelto di frequentare l’università, dove ho gia fatto il test d’ingresso e sono iscritta. Ho molti progetti in mente, alcuni li sto sviluppando proprio in queste settimane. Intanto inizierà una nuova fase della mia vita ma sono sicura che non perderò mai di vista ciò che mi ha insegnato questo percorso e la mia famiglia. Sono fiera dei miei valori e della città da cui provengo. Mi auguro solo di riuscire a realizzare tutti i miei sogni.

Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci