Doppio lavoro, 3 infermieri licenziati
Il sindacato si arrende: fatti oggettivi

l'ospedale san camillo

di Mauro Favaro

TREVISO - Erano tre infermieri del San Camillo, di origini straniere ma in servizio a Treviso ormai da parecchi anni, con contratto a tempo pieno e indeterminato. Allo stesso tempo, però, lavoravano anche per alcune cooperative, come liberi professionisti, in case di riposo e strutture per disabili. Un doppio lavoro in piena regola. Peccato che il contratto con l'ospedale privato convenzionato di viale Vittorio Veneto non lo consentisse. È tassativamente vietato. E così, dopo un'indagine interna durata più di tre mesi, mercoledì scorso l'istituto delle Figlie di San Camillo li ha licenziati in tronco, e subito sostituiti.

LA SEGNALAZIONE Il vaso di Pandora è stato aperto da una richiesta proveniente dall'Azienda Zero. Lo scorso aprile il braccio messo in piedi dalla Regione per ottimizzare i servizi delle strutture sanitarie ha chiesto a tutti gli ospedali del Veneto di verificare che i loro dipendenti non avessero un doppio lavoro. Gli accertamenti sono partiti da qui. E non hanno portato solo ai tre licenziamenti. Altri tre infermieri del San Camillo, infatti, sono stati sospesi per 10 giorni. Al termine di un procedimento disciplinare aperto a loro carico, la struttura ha accertato che timbravano il cartellino per un'altra infermiera a sua volta impegnata in un secondo lavoro, che si è dimessa di propria sponte non appena l'istituto le ha inoltrato la prima contestazione.

LA MOTIVAZIONE «I tre infermieri sono stati licenziati per giusta causa. Erano nostri dipendenti, ma allo stesso tempo lavoravano anche altrove con servizio continuativo, da anni, non da un giorno o un mese, come se fossero liberi professionisti. E questo non è possibile spiega suor Lancy Ezhupara, direttore amministrativo del San Camillo siamo riamasti sorpresi perché erano qui da tempo. Ma bisognava dare un segnale forte e chiaro. Su 300 dipendenti, ci sono cinque o sei che si sono comportati in un certo modo. Mentre gli altri 294 lavorano con onestà e correttezza, rispettando il contratto. Era necessario dare un segnale anche per rispetto nei loro confronti».

BATTAGLIA LEGALE Ora i tre sono pronti a fare ricorso impugnando il licenziamento. Hanno già bussato alle porte di diversi sindacati. A quanto pare, però, non ci sono molti margini: «I fatti contestati sono oggettivi», è quanto trapela dal mondo sindacale. Due di loro avrebbero deciso di intraprendere la battaglia legale con dei propri avvocati. Ma al San Camillo sono convinti di aver fatto tutto a regola d'arte. «L'indagine interna è iniziata ad aprile. Ci sono stati mesi di indagini, comunicazioni, contestazioni e sollecitazioni sottolinea suor Lancy Ezhupara le stesse cooperative esterne, poi, ci hanno confermato che prestavano servizio continuativo da loro. Siamo tranquilli: i nostri uffici legali hanno fatto un'attenta valutazione». I controlli sul personale del San Camillo vanno avanti. Ma fino a questo momento non sono emerse altre situazioni di incompatibilità. Così come non ci saranno ulteriori sanzioni per i tre infermieri sospesi per 10 giorni. È la punizione massima prima di arrivare al licenziamento. Questo, però, scatterà solo a fronte di nuove infrazioni. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 18 Luglio 2018, 15:33






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Doppio lavoro, 3 infermieri licenziati
Il sindacato si arrende: fatti oggettivi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-07-19 17:39:21
Questi fanno il doppio lavoro.... e poi c'è gente che non ne trova nemmeno uno di lavoro... Ma poi, chiediamoci perche' uno va a fare il doppio lavoro... Forse perche' il primo e' mal pagato? Per necessita'? Per avidità? Bisogna avere anche il tempo di farlo un secondo lavoro... e quali sono i riflessi di questa iperattivita' sul rendimento e sull'attenzione? Al lavoro bisogna andarci riposati... ma se hai appena finito un turno altrove...e' un po' difficile. Mah...
2018-07-18 19:34:38
Ovviamente questo vale solo per gli infermieri,i medici possono fare il doppio il triplo il quadruplo lavoro senza problemi
2018-07-18 19:59:17
Sempre nel rispetto del contratto, in intramoenia o in extra. Pagandoci (tutte)le tasse e balzelli (fino al 60% del lordo)
2018-07-19 11:20:06
caro Asmodelio, ovviamente quello che un dipendente può fare oppure no è scritto in chiare lettere sul contratto di categoria...se ti pescano paghi le conseguenze.
2018-07-18 19:03:13
In Italia Dove voglia di lavorare ce n e' poca figuriamoci se il sindacato difende chi lavora il doppio...