Impiegata rivela al titolare: «Sono incinta», assunta a tempo indeterminato

Riccardo Pistollato

di Mauro Favaro

MOGLIANO - Ha assunto in pianta stabile un'impiegata 28enne che, due mesi prima della scadenza del contratto a tempo determinato, gli aveva rivelato di essere incinta. Riccardo Pistollato, 36enne titolare di AgriCenter, azienda di articoli per il giardinaggio, l'orto e prodotti per l'agricoltura, non ha avuto dubbi. «Mi ha dato fiducia mettendosi in una situazione potenzialmente vulnerabile spiega ma se si dà onestà, si oncassa onestà. Spesso gli imprenditori vengono dipinti come approfittatori che pensano solo a fare soldi sulle spalle dei dipendenti. Non è così. Solo creando una squadra e responsabilizzando i propri collaboratori è possibile lavorare uniti per un obiettivo comune». Oggi la donna, che sta per compiere 30 anni, lavora ancora negli uffici dell'AgriCenter di via Cavalleggeri. L'azienda conta cinque dipendenti: oltre a lei ci sono quattro uomini.
SOCIAL SCATENATI Le storie simili non hanno però sempre un lieto fine. Lo conferma il dibattito social che si è scatenato nelle ultime ore sulla pagina Facebook Sei di Mogliano Veneto se, dove Pistollato ha raccontato la propria esperienza. «Tempo fa scrissi di conoscere una donna in dolce attesa che non poteva dirlo a nessuno perché le scadeva il contratto di lavoro ha scritto un utente, Antonio, innescando la miccia - bene, quella donna ha voluto comportarsi onestamente. Lo ha detto al datore di lavoro prima che le rinnovassero il contratto. L'hanno lasciata subito a casa». Il post ha contato decine di commenti. La maggior parte dei cittadini ha invocato una denuncia. Altri hanno chiesto che fosse reso pubblico il nome della società. È qui che si è inserto Pistollato. «Anche a me è successa la stessa cosa ha rivelato . Avrebbe potuto stare zitta fino al rinnovo del contratto. Era all'inizio della gravidanza: nessuno se ne sarebbe mai accorto. Come datore di lavoro ho immensamente apprezzato l'onestà e l'ho assunta».
IL PREMIO Non solo, una volta rientrata dalla maternità, nello scorso dicembre, la giovane si è vista anche aumentare di livello. «Spero di essere un buon esempio conclude Pistollato su queste questioni si sentono spesso brutte notizie. Ma non funziona dappertutto allo stesso modo. Se non si vede il dipendente come un semplice lavoratore fine a sé stesso, è possibile ricevere qualcosa in cambio che consente di creare una vera squadra. Vale nelle piccole e medie imprese, ma, pur a settori, dovrebbe essere lo stesso anche in quelle grandi».

    
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 13 Aprile 2019, 08:52






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Impiegata rivela al titolare: «Sono incinta», assunta a tempo indeterminato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2019-04-15 14:42:18
Mi viene in mente un'altra storia: una ragazza venne assunta come operaia presso una ditta, il cui titolare fece firmare una dichiarazione dove prometteva che non sarebbe rimasta incinta per non so più quanto tempo. La ragazza disse che non c'era pericolo perchè era lesbica. Ovviamente essendo etero e munita di compagno, dopo qualche mese rimase incinta. Per evitare di essere licenziata, andò dal titolare raccontando che, qualche mese prima aveva litigato con la "compagna", era andata in un bar, dove si era ubriacata ed era finita a letto con un tipo. Dopo di che si era ritrovata in quella situazione. Il titolare, ovviamente, non potè fare altro che tenerla, essendo intervenuta una situazione anomala. Poi, la ragazza è andata a lavorare in un altro posto, ma per sua scelta, dopo un po' di tempo. Non è un bel modo per non farsi licenziare?
2019-04-15 14:37:22
Mah. Venti e più anni fa lavoravo con un contratto a tempo indeterminato. Dopo tre anni annunciai alla mia titolare che ero incinta, e si scatenò l'inferno. Cominciò a dire che non poteva pagare la mia maternità e una sostituta (forse la poveretta non sapeva che la maternità viene pagata dall'INPS), tanto fece e tanto disse che dovetti dare le dimissioni, e la cara persona, accusandomi di fatti mai successi, riuscì pure a ridurre il TFR. Che dire: non so quanto la storia sia vera. NOn capisco il passaggio di livello della persona in questione. Boh
2019-04-15 12:38:17
se si loda un imprenditore perché assume ..ci sta !!! la domanda da che adesso dobbiamo farci, è " come l'Italia è arrivata cosi in basso ?
2019-04-14 21:13:16
Bel ragionamento, quindi lei ammette di essere un evasore , evadono il giusto....., quindi lei decide qual'è il suo giusto, poi ridicolo altrimenti emigrò così non pago più nulla. Già in Italia forse non pagherà più nulla ma nello stato in cui emigrera' pagherà tutto perché non è come in Italia dove i furbi hanno sempre prima o poi uno sconti Cino una sanatoria. Per quanto riguarda i politici è chiaro che pur odiandoli lei vota e voterà per quelli che qualche condono, qualche colpo di spugna possono farlo, vedi gli ultimi. Ma mi spieghi perché io dovrei pagare anche la sua parte per la sanità per le scuole, per il funzionamento dello stato... e via dicendo. Già ma sarà difficile che lei riesca ad argomentare in maniera esaustiva ed efficace visto il suo livore. Apprpoposito pensa di essere l'unico di lavorare 10 12 ore al giorno?
2019-04-14 16:23:23
Immagino che il pollice verso non sia d'accordo, ok ci sta! Ma dove non è d'accordo sul fatto che ci siano datori di lavoro che eludono, evadono il fisco, o sul fatto che vi siano datori di lavoro che fanno firmare le dimissioni in bianco, specialmente se donne? O forse non ha letto l'ultimo altricolo de il gazzettino...Padova ecco come evadevano e schermavano i soldi. O forse è uno di quelli che si limitano ai pollici poiché esprimere la propria idea è troppo difficile?