Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Travolta da un'auto sulle strisce pedonali: la preside del Brustolon lotta per la vita

Domenica 22 Maggio 2022
Travolta da un'auto sulle strisce pedonali: la preside del Brustolon lotta per la vita
2

CONEGLIANO - Resta grave la preside dell'istituto Brustolon e falciata da un'auto due giorni fa mentre attraversa la strada. La dirigente è stata sbalzata sul marciapiede battendo la testa con violenza. Proprio quel forte trauma cranico impedisce ora ai medici di sciogliere la prognosi: Cristina Ambrogetti, 47 anni, residente in provincia di Ravenna, è arrivata a Conegliano un anno fa per prendere la dirigenza della scuola Brustolon. Si trova ora ricoverata in gravi condizioni all'ospedale di Conegliano. Illeso invece l'automobilista R. M., un 76enne del pievigino, che l'ha investita. Teatro del grave incidente è via Ortigara, in località Parè.

L'IMPATTO
Alle 11.30 la donna stava attraversando la strada: si stava dirigendo a piedi verso la chiesa di Paré e per raggiungere il lato opposto della carreggiata aveva scelto diligentemente l'attraversamento pedonale. Eppure non è bastato a metterla al riparo dai pericoli della strada. Aveva quasi completato l'attraversamento quando la vettura, una Ford C-Max l'ha centrata in pieno, caricandola sul parabrezza e poi scaraventandola a terra, tra il marciapiede e un muretto di recinzione. L'urto a terra è stato violentissimo. La macchina viaggiava da Conegliano verso Pieve di Soligo. «L'ho vista all'ultimo» - ha riferito il 76enne agli agenti della polizia locale del Coneglianese, intervenuti per eseguire i rilievi e gestire il traffico. Sia l'automobilista sia le altre persone accorse sul luogo dell'incidente si sono accorti subito che le condizioni della signora erano molto gravi. Non riusciva a parlare: dalle sue labbra uscivano soltanto lamenti indistinti. La chiamata al 118 è stata immediata. In una manciata di minuti sono arrivate sul posto ambulanza e automedica e anche l'elisoccorso. Vista la dinamica dell'incidente era bene avere un mezzo in grado di permettere il trasferimento della ferita all'ospedale centrale di Treviso. Ora tutta la scuola fa il tifo per lei.
 

Ultimo aggiornamento: 17:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci