Rogo in cui hanno perso la vita due amiche, il retroscena: Miglioranza avanzava soldi da una rom

Mercoledì 23 Novembre 2022 di Maria Elena Pattaro
Rogo in cui hanno perso la vita due amiche, il retroscena: Miglioranza avanzava soldi da una rom

PAESE (TREVISO) - Duecentomila euro affidati a una donna rom con la speranza di investimenti fruttuosi, di cui però Sergio Miglioranza non aveva ricevuto neanche un centesimo. È il retroscena emerso ieri in aula, durante l’ennesima udienza che vede alla sbarra il 72enne di Paese, accusato di aver incendiato la sua casa di Castagnole, in cui sono morte la moglie Franca Fava, 68 anni, e l’amica di famiglia, Fiorella Sandre, 74, morte asfissiate e carbonizzate. L’anziano è a processo per duplice omicidio pluriaggravato e premeditato, incendio doloso, violazione dei sigilli apposti sul terreno teatro della tragedia e tentata truffa ai danni dell’assicurazione. In base a quanto ricostruito in aula l’anziano non navigava in buone acque. L’accusa ha sempre sostenuto che il movente del rogo fosse di natura economica: Miglioranza voleva incassare le polizze assicurative, probabilmente per sanare alcuni debiti e rifarsi una vita. Ma il retroscena venuto a galla, in realtà sembra offrire una sponda anche alla teoria della difesa: e cioè che il rogo sia stato appiccato da qualcun altro, qualcuno che voleva fare del male al 72enne, magari per questioni di soldi. 


L’INVESTIMENTO
Una delle testimonianze chiave dell’udienza di ieri mattina è stata quella di un luogotenente dei carabinieri di Montebelluna, ora in pensione. Il militare ha raccontato che Miglioranza avrebbe consegnato a una rom residente nel Padovano i 200mila euro ottenuti dall’assicurazione per la morte del figlio, vittima di un incidente stradale. La mediatrice in questione è nota alla giustizia trevigiana per alcuni casi di truffa. Il 72enne le aveva consegnato l’ingente somma di denaro dietro la promessa di investimenti ad alto rendimento che però tardavano ad arrivare. Motivo per cui l’anziano avrebbe chiesto con insistenza alla donna di restituirgli il capitale. La rom avrebbe cercato di guadagnare tempo restituendogli alla fine la cifra irrisoria di 500 euro, di cui però 300 erano stati chiesti subito come prestito. 


GLI INNESCHI
Un altro aspetto su cui insiste la difesa, affidata agli avvocati Rossella Martin e Simone Guglielmin, è che gli inneschi sarebbero troppi per essere stati accesi da una sola persona. Si torna così all’ipotesi che siano opera di qualcun altro. Ma dall’analisi delle celle telefoniche la notte dell’incendio non risulta che ci fossero a Castagnole dispositivi in uso a persone con cui il 72enne aveva avuto contatti recenti. Tanto meno con la donna rom da cui attendeva quei 200mila euro. Vero è che a eventuali terze persone sarebbe bastato spegnere il cellulare per non agganciare le celle. 

Ultimo aggiornamento: 24 Novembre, 09:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci