Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Le pantere campionesse d'Europa lanciano la campagna abbonamenti dell'Imoco

Mercoledì 15 Settembre 2021 di Luca Anzanello
Le pantere Asia Wolosz, Paola Egonu, Miriam Sylla e Monica De Gennaro con i presidenti dell'Imoco Piero Garbellotto e Pietro Maschio

CONEGLIANO Sorridenti e rilassate, visibilmente felici di sentire di nuovo il calore dei loro tifosi, ai quali hanno fatto una promessa: «Non saremo mai sazie, neanche dopo la stagione perfetta. Ora vogliamo scrivere una storia nuova». Capitan Asia Wolosz, la bandiera Monica De Gennaro (per lei nona stagione in gialloblù), Miriam Sylla e Paola Egonu sono state osannate dai tifosi dell’Imoco giunti ieri in piazza Cima per ascoltare le indicazioni del club sulla campagna abbonamenti che di fatto segnerà il ritorno del pubblico sui seggiolini del Palaverde. E proprio alle sensazioni che le atlete provano a giocare in impianti vuoti piuttosto che pieni sono state dedicate le prime domande della stagione 2021/22 alle tre neo campionesse d’Europa e a Wolosz. 


MONICA DE GENNARO

«Giocare la finale continentale a Belgrado con più di 20mila persone è stato molto strano – ha ammesso De Gennaro – perché non eravamo abituate a tutto quel pubblico. È stato anche molto bello, perché anche se quel tifo era contro di noi ci ha dato una spinta in più. Adesso non vediamo l’ora di rivedere il Palaverde con la gente». 


ASIA WOLOSZ

Concetti ribaditi da Wolosz, che come le sue compagne di club ha iniziato l’intervento con un “bello rivedervi qui” rivolto ai supporter delle pantere. «La nostra prima partita sarà tra due settimane e mezzo e subito giocheremo per un obiettivo. Abbiamo ancora del tempo per lavorare in palestra e fare ambientare le nuove compagne. Nella nostra squadra niente è cambiato, perché vogliamo sempre giocare per la vittoria. Non sarà facile, ma faremo di tutto per essere pronte al 100% già per la Supercoppa contro Novara». “Non siamo ancora sazie” fu lo slogan della scorsa stagione nella quale, sia pure senza pubblico, l’Imoco ha vinto tutto ciò che c’era in palio. Le pantere hanno ancora fame? «L’anno scorso abbiamo scritto una bella storia – ha risposto Wolosz – portare a casa quattro coppe è stato pazzesco. Quest’anno vogliamo scriverne un’altra, è difficile ripeterci ma con il ritorno del Mondiale ci sono 5 obiettivi. Tutti vogliamo crescere e non accontentarci. Noi siamo fatte così, vogliamo sempre giocare al meglio». 


MIRIAM SYLLA

Anche Sylla ha confermato che «noi sazie non siamo mai, nel senso che la scorsa stagione è un ricordo bellissimo che però abbiamo già messo da parte. Adesso siamo pronte a farne altri. Già da lunedì abbiamo ricominciato a lavorare per voi (tifosi, ndr), speriamo di lavorare con voi quando tornerete a tifarci». 


PAOLA EGONU

Quasi defilata, ma con un sorriso smagliante, ieri in piazza Cima c’era anche Paola Egonu, protagonista di una stagione in cui l’unica uscita dal campo a testa bassa è stata ai Giochi di Tokyo («ma portare la bandiera olimpica è stato emozionante – ha detto Paola – credo sia una cosa che capita una volta nella vita, spero di avere trasmesso tutte le emozioni pure che stavo provando in quel momento. Sono fiera e onorata di avere potuto portare quella bandiera per l’Italia, l’Europa e tutti gli atleti») e che non vede l’ora di indossare di nuovo la maglia gialla e blu: «Ci siamo riposate una settimana, ma l’idea di tornare a Conegliano ci ha dato una spinta in più perché è sempre bello tornare a casa. Sono rimasta qui anche per giocare con il pubblico? Sì, lo spero tanto e non vedo l’ora. Obiettivi personali? Vincere con la mia squadra: è l’obiettivo mio e di ognuna di noi». La prima impressione delle nuove pantere è del tutto favorevole: «Le sto ancora conoscendo ma già mi stupiscono perché hanno tutte caratteristiche “Wow”: quanto sono forti! Il pubblico di Belgrado? Nel primo set me la stavo facendo addosso dopo due anni a porte chiuse – confida Egonu – poi sono riuscita a entrare in partita». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci