Blitz all'alba, preso anche il figlio
del giostraio ucciso a Nanto

Lunedì 30 Marzo 2015
32

CONEGLIANO - C’è anche Alan Cassol fra i sette arrestati nell'operazione "All in" lanciata all'alba dai carabinieri di Conegliano.

È il figlio del giostraio ucciso da Graziano Stacchio a Ponte di Nanto durante una rapina.

Il blitz ha interessato tutta la provincia di Treviso ed era concentrato sul controllo di accampamenti di nomadi ed abitazioni di cosiddetti “giostrai”.

Guarda il video

Le persone finite in carcere sono tutte di età compresa fra i 18 e i 26 anni, appartenenti a famiglie di giostrai residenti nella provincia ed accusati di associazione per delinquere finalizzata ai furti presso esercizi pubblici.

L'operazione è la risposta delle forze dell'ordine allo stillicidio di furti e spaccate nei locali della Marca per mettere mano ai “tesoretti” rappresentati da slot machine e cambiamonete.

Vasto lo spiegamento di uomini e mezzi per questo blitz denominato "All in" che non ha dato scampo ai residenti nei campi: 120 carabinieri del comando Provinciale di Treviso, del Nucleo Cinofili di Bologna e di Torreglia (Pd), del 14 Nucleo Elicotteristi di Treviso e del 4 Battaglione Mobile di Mestre.

Tutti i particolari sul Gazzettino in edicola il 31 marzo.

Ultimo aggiornamento: 17:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA