Andate alle grotte del Caglieron? Con tacchi alti e infradito non vi fanno entrare

Sabato 7 Luglio 2018 di Claudia Borsoi
Andate alle grotte del Caglieron? Con tacchi alti e infradito non vi fanno entrare
5

FREGONA - Vietate scarpe con tacchi a spillo e infradito a chi visita le grotte del Caglieron. Il regolamento, messo nero su bianco con un'ordinanza firmata nei giorni scorsi dal sindaco Laura Buso, detta precise regole ai turisti. Per i trasgressori è prevista una sanzione che può toccare i 516 euro. Il documento dettaglia divieti e obblighi in capo ai visitatori. Per l'amministrazione Buso l'obiettivo è sicurezza e prevenzione di incidenti. «Le regole le abbiamo anche tradotte in inglese e abbinate a dei simboli che richiamano, visivamente, tutti i divieti e gli obblighi spiega il sindaco - La prossima settimana posizioneremo nelle grotte anche una nuova segnaletica che si accompagnerà a delle tabelle che riportano le regole che i visitatori devono tenere».

 
DIVIETI E OBBLIGHIVietato abbandonare rifiuti fuori dai cestini, accendere fuochi di qualsiasi genere, uscire dai percorsi segnalati, sporgersi e scavalcare i parapetti e le recinzioni, correre sulle passerelle e lungo i percorsi, fare il bagno e tuffarsi nei torrenti (ad esclusione delle attività di canoa autorizzate), fare assembramenti lungo le passerelle e i percorsi e, ancora, transitare con biciclette, passeggini e carrozzine. Tra gli obblighi la possibilità di accedere alle grotte solo a piedi, l'uso di calzature idonee al percorso visto che le passerelle sono scivolose e i sentieri non livellati, il camminare in fila indiana e i minori di 14 anni dovranno essere accompagnati da un adulto. Alle grotte possono accedere anche i cani (nell'ordinanza si parla di «animali»), che dovranno essere condotti con il guinzaglio lungo al massimo un metro e mezzo e dotati di museruola, rigida o morbida, da applicare in caso di bisogno. Infine l'obbligo di raccogliere le deiezioni lasciate a terra dal proprio fido e di gettarle negli appositi cestini.
SANZIONII cartelli con le regole non permetteranno più scuse ai trasgressori, a coloro che fino ad oggi hanno percorso le passerelle con le scarpe con i tacchi o che d'estate si sono immersi nelle acque del torrente in cerca di un po' di refrigerio. Le sanzioni andranno da 51,65 a 516,46 euro. L'unico agente di polizia locale in servizio a Fregona non mancherà come richiesto dall'amministrazione Buso di fare precisi controlli alle grotte.
E proprio per oggi è attesa la riapertura dell'ultimo tratto di passerelle oggetto di rifacimento. Quest'anno alle grotte in località Breda ancora non si sono registrate giornate di ingorghi.
«Un po' per i lavori, un po' per il meteo i numeri fino ad ora sono stati inferiori rispetto allo scorso anno conferma Buso e poi molti salgono a piedi alle grotte, utilizzando il sentiero che da piazza Maronese va al Caglieron via Pont de Fer. Per luglio non abbiamo previsto il bus navetta, vedremo ad agosto. Abbiamo anche proposto alla Provincia una modifica della viabilità, che è al vaglio del Prefetto, cioè nelle ore di maggior afflusso bloccare le auto a Mezzavilla e far salire le persone solo a piedi».

Ultimo aggiornamento: 8 Luglio, 18:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA