Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Muore all'improvviso l'ingegnere Giuseppe Guaraldo: «La città perde il suo costruttore»

Sabato 5 Marzo 2022 di Paolo Calia
Giuseppe Guaraldo
5

TREVISO - Se n’è andato all’improvviso, chiudendo una pagina di storia della città. Ieri mattina si è spento all’età di 79 anni Giuseppe Guaraldo, ingegnere, professore universitario ma soprattutto guida per decenni di una delle maggiori imprese di costruzioni del Veneto e, per molti anni, d’Italia: la “Guaraldo”, fondata dal padre di Giuseppe, Pio, nel 1945. Dal dopoguerra in poi ha lasciato il segno un po’ ovunque. Ha contribuito alla ricostruzione di Treviso, poi si è allargata al resto d’Italia. Tra le sue opere ci sono l’ospedale di Ca’ Foncello e quelli di Conegliano e Castelfranco, il recupero del Teatro Comunale di Treviso voluto dalla Fondazione Cassamarca di Dino De Poli, la stazione delle corriere, centinaia di edifici in tutta Italia e poi l’aeroporto di Tessera, costruito e poi rimodernato, e quello di Palermo. In tanti di questi progetti c’è stato il contributo o la firma di Giuseppe, entrato formalmente in azienda agli inizi degli anni Sessanta accanto al padre per poi prenderne il posto prima di aver raggiunto i 40 anni. Quando divenne presidente le Guaraldo fatturava 13 miliardi di lire all’anno. Al suo apice, sotto la sua guida, il fatturato ha toccato i 200 miliardi, sempre di lire. Un colosso.


LA CARRIERA
Giuseppe si è laureato in Ingegneria a Padova giovanissimo. A 24 anni già aveva guadagnato la cattedra di Scienze delle Costruzioni, uno dei più giovani professori universitari in Italia. Poi la scelta di lasciare la vita accademica per dedicarsi all’impresa di famiglia. Con lui è iniziata la cavalcata che ha portato la Guaraldo, negli anni Novanta, a entrare nel gruppo delle 25 aziende più importanti del paese. Trevigiano doc, con la famiglia non ha mai voluto lasciare la città. La sede dell’azienda invece è stata aperta a Paese, una scelta fatta dal padre Pio appena finita la guerra. Da lì è partita la cavalcata della Guaraldo, cresciuta anno dopo anno. Avventura finita nel 2002, quando Giuseppe e i figli Pio Andrea, Matteo e Laura decisero di cedere tutte le quote al gruppo veneziano guidato da Lorenzo Marinese.


LA VITA
Giuseppe Guaraldo è stato un imprenditore tanto brillante, quanto schivo. Comparire non gli interessava. Il tempo libero lo dedicava alle sue passioni: la musica e la letteratura. «Mio padre - ricorda il figlio Andrea Pio Guaraldo - era una persona di grande cultura. Amava leggere le poesie in greco antico. Ancora oggi, per tradizione, ogni primo dell’anno traduceva un brano dal latino. Ha sempre amato studiare, apprendere, conoscere cose sempre nuove. A noi figli ha insegnato soprattutto la voglia di essere curiosi di tutto. Questo è stato un suo grande insegnamento». Giuseppe non ha mai derogato alle sue idee e principi. A metà anni ‘90 entrò quasi in rotta di collisione con l’allora sindaco Giancarlo Gentilini perché, pur avendo già firmato il contratto con Fondazione Cassamarca per ristrutturare il teatro comunale, andò in piazza dei Signori a firmare il sostegno all’orchestra del Comunale destinata di lì a poco a scomparire. Un gesto di sfida, fatto però con grande convinzione perché consapevole che il patrimonio culturale di una città va difeso sempre e in ogni luogo. I funerali non sono ancora stati fissati. Molto probabilmente si terranno la prossima settimana nella chiesa di Santa Maria Maggiore. Ma la famiglia non ha ancora scartato l’ipotesi di farli in forma privata.

Ultimo aggiornamento: 19:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci