Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Razzia di attrezzi da giardino, case prese di mira dai ladri. I residenti di San Zenone: «Vanno intensificati i controlli»

Mercoledì 10 Agosto 2022 di Brando Fioravanzi
La recinzione di una casa rotta dai ladri
2

SAN ZENONE DEGLI EZZELINI - Attrezzi da giardinaggio come decespugliatori, motocoltivatori, motoseghe, tagliarami e rasaerba. Sono questi gli obiettivi di una banda di ladri che ormai da qualche mese imperverserebbe a San Zenone degli Ezzelini, colpito da una continua raffica di furti senza precedenti negli ultimi quarant’anni. E in queste settimane i malviventi, incuranti delle Forze dell’ordine presenti sul territorio, si starebbero facendo sempre più spavaldi e intraprendenti dato che visiterebbero anche più volte la stessa abitazione prima di cambiare obiettivo. Il target è sempre lo stesso, ovvero attrezzatura da giardino che possa poi essere rivenduta al mercato nero. Non solo materiale nuovo, ma anche usato o non funzionante che viene poi trasportato altrove anche tramite le carriole.

L'ingresso rompendo la recinzione

Il tutto avverrebbe sempre con il medesimo modus operandi : prima i ladri segnalerebbero la rete dell’abitazione e poi, a notte inoltrata, agirebbero aprendosi un vero e proprio varco nelle recinzioni, scardinando i lucchetti delle rimesse per attrezzi. Giungerebbero difatti dai campi e poi si dileguerebbero nel più totale silenzio, tanto che la refurtiva finora non è mai stata ritrovata. Proprio per questo, i cittadini chiedono ora una maggiore illuminazione nelle vie adiacenti ai campi e più videocamere di sorveglianza ai varchi degli incroci del paese e non solo nelle zone di confine. «Ormai molti stanno passando notti insonni e si sentono poco tutelati e in balia dei predoni – racconta un residente – Speriamo quindi che vengano intensificati i controlli per controllare l’intera zona al confine della provincia che in questo periodo sta vivendo giorni difficili. Anche perché nei comuni vicini come Castelcucco ed Asolo sembra ci siano dinamiche simili e c’è dunque da preoccuparsi per l’escalation di casi. L’importante è che nel caso di acquisto di attrezzi usati prima di effettuare l’acquisto si facciano le dovute verifiche affinché non si tratti di merce trafugata». La risposta del sindaco Fabio Marin non si è comunque fatta attendere: «Come Amministrazione siamo vicini a chiunque sia vittima di furti in paese, ma è anche vero che, nonostante quanto affermino alcuni residenti, non abbiamo segnalazioni di sorta nell’ultimo periodo. Sia i Carabinieri che la Polizia Locale non hanno difatti ricevuto alcuna denuncia. In ogni caso, ricordo a tutti di informare le Forze dell’Ordine sia in caso di sospetto che una volta subito un furto. Così da poter attivare tutte le indagini del caso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci