Foto osé dell'allieva sul cellulare. ​Il prof si difende: «Un'immatura»

PER APPROFONDIRE: difesa, foto, liceo, osé, prof, studentessa, treviso
Foto osé dell'allieva sul cellulare  Il prof si difende: «Un'immatura»

di Denis Barea

TREVISO - «È tutto un malinteso, le accuse sono frutto di un equivoco». Si è difeso così davanti al giudice per le indagini preliminari che doveva decidere sulla sua sospensione dal servizio, il 50enne professore di lettere di un liceo trevigiano indagato dalla Procura di Treviso con l'accusa di molestie nei confronti di una ragazza 16enne, con cui avrebbe intrattenuto una relazione virtuale piccante a base di messaggi con contenuto esplicitamente intimo e fotografie osé della giovane. Insomma, nessuna relazione proibita con la studentessa di 34 anni più giovane di lui, piuttosto si sarebbe trattato di un tentativo per aprire un «canale di comunicazione» con una ragazzina «affettivamente immatura», che si sarebbe presa una sbandata per il professore e che andava «aiutata». Di tutt'altra opinione è invece il pm, che ha presentato la richiesta di sospensione del 50enne dal servizio come misura cautelare. Ma il gip, poiché il docente è in aspettativa, ha ritenuto non necessario metterlo fuori dall'insegnamento, non essendoci pericolo di reiterazione del reato.

LA CHAT
Il 50enne, un professore di materie letterarie molto stimato, con una vita privata e familiare senza macchia, avrebbe iniziato a scambiare sms e messaggi in chat telefoniche con la ragazza durante lo scorso anno scolastico. All'inizio i due avrebbero parlato di scuola, poi i messaggi avrebbero riguardato la vita privata di entrambi. In estate tutto sarebbe degenerato in una bollente liaison telefonica condita dalle foto in biancheria intima o senza veli che la 16enne avrebbe inviato al suo insegnante. E così per un paio di settimane. Denunciato dalla famiglia della ragazza dopo che la madre, ad agosto, aveva scoperto lo scambio di effusioni dando una sbirciata allo smartphone della figlia, secondo la Procura l'uomo non solo avrebbe assecondato la sbandata della minorenne ma avrebbe alimentato le decine e decine di messaggi di segrete e piccanti conversazioni.

IL CELLULARE
Materiale che gli inquirenti avrebbero rinvenuto nel cellulare del professore, sequestrato la settimana scorsa nel corso di una perquisizione compiuta dagli agenti della Questura di Treviso nella sua abitazione. All'arrivo dei poliziotti il 50enne sarebbe rimasto impietrito. Poi la decisione, assunta subito dopo, di mettersi in aspettativa. «Sono amareggiato per il fatto che questa vicenda sia stata resa pubblica da chi era evidentemente tenuto alla riservatezza dei suoi doveri d'ufficio - ha detto ieri il legale della famiglia della ragazza Stefano Pietrobon - chi lo ha fatto si assume la responsabilità del disagio enorme con cui adesso la 16enne sta vivendo questi giorni, proprio mentre a fatica stava cercando di buttarsi alle spalle l'intera vicenda».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 18 Ottobre 2017, 15:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Foto osé dell'allieva sul cellulare. ​Il prof si difende: «Un'immatura»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-10-19 08:56:25
Immatura? No maturissima. Altro che'..
2017-10-19 06:36:25
L'angelo azzurro.. A volte, viaggiando in pullman o treno, capita involontariamente di ascoltare discorsi tra giovani scolari...in grado di menare per il naso ed intrappolare chiunque anche con anni ed anni di esperienza.
2017-10-18 21:15:50
....oltre ai genitori invadenti....ora ci sono le bimbe mitomani ed erotomani,....signore che scuola.....!
2017-10-18 20:00:56
Hai capito la signorina?oggi osè,domani privè....
2017-10-19 02:25:38
Hai capito l'insegnante stimato e senza macchia? Con tutte le offerte di occhiali...