Febbre alta, muore in 15 giorni. La famiglia: «Non era mai stato male»

Mercoledì 12 Febbraio 2020 di Annalisa Fregonese
Ennio Vendramin
1
FONTANELLE - Sono increduli coloro che sostano davanti all’epigrafe di Ennio Vendramini, 53 anni, mancato a seguito di brevissima malattia. Cosa sia stato ad ucciderlo ancora non è chiaro, si suppone un’epatite fulminante ma bisogna attendere l’esito dell’autopsia. La morte di Ennio Vendramini ha suscitato tanta commozione non solo a Fontanelle e a Lutrano dove viveva, ma pure a Mansuè, comunità della quale era originario; a Ormelle per la sua attività di volontario in casa di riposo; a Motta dove lavorava ai supermercati Visotto. L’uomo si era ammalato un paio di settimane fa. «Sembrava una banale influenza, non è mai stato male» raccontano i familiari. Il 53enne aveva la febbre, ovvio che pensando a un’influenza sulle prime non si sia preoccupato più di tanto. Con il passare dei giorni però anzi stava sempre peggio. Tanto che aveva deciso di ricorrere al pronto soccorso dell’ospedale di Oderzo. «Nonostante tutte le analisi – proseguono i familiari – non riuscivano a capire cosa avesse. È stato deciso il trasferimento all’ospedale di Verona». Anche qui però le condizioni di Vendramini non sono migliorate; è sopraggiunto un blocco renale che l’ha portato via per sempre alla sua famiglia, alle tantissime persone che gli vogliono bene.

L’INDAGINE
Proprio per indagare a fondo su cosa può averne causato la morte, l’ospedale ha disposto l’autopsia, che è stata eseguita nei giorni scorsi. Adesso si attendono gli esiti. Viene ipotizzata un’epatite fulminante, ma finché non si avrà la certezza dei risultati i medici non si pronunciano. Un epilogo tristissimo, una malattia fulminea che ha strappato il 53enne alle tante persone che lo stimavano e gli erano affezionate. Per primi gli anziani della casa di riposo di Roncadelle, ai quali si dedicava come volontario. Non solo. Vendramini era molto attivo in parrocchia, fedele collaboratore del parroco don Mauro Cettolin, era uno dei ministri straordinari della Comunione, distribuiva le ostie consacrate durante la messa. Era attivo come volontario anche alla scuola materna di Lutrano dove la moglie Liliana lavora come cuoca. Lavorava da Visotto, l’azienda di Motta che gestisce numerosi supermercati nel Triveneto.
L’ULTIMO SALUTO
Il funerale si svolgerà domani alle 15 nella chiesa di San Mansueto a Mansuè. Oggi, alle 19.30 sempre a Mansuè sarà recitato il rosario. Ennio Vendramini lascia la mamma Rosa, la moglie Liliana, i figli Luca e Giulia, molti parenti e amici. Che si stringono intorno alla famiglia, nel ricordo di un uomo benvoluto da tutti. 
  Ultimo aggiornamento: 15:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci